Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 56 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Oct 22 13:30:43 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Attesa prima di...

di Teresa Cassani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 20/09/2020 12:13:36

ATTESA PRIMA DI…


La fase dell’ attività di movimento, con tutte le sue manifestazioni, era finita. Adesso subentrava la stasi. La notte di quiete: breve ma lunghissima, tacita ma rumorosa. Popolata di ricordi recenti, di immagini che si sarebbero susseguite vorticose, accompagnate da interrogativi e dubbi accanto a convincimenti.
Aveva considerato tutti gli ambiti in cui si esprimeva la vita sociale. Lo staff, preparato e battagliero, aveva favorito la stesura di piani e di programmi ambiziosi che tenevano conto di tutte le possibili variabili in campo.
Pensava a quanto in quei mesi si era sentito vivo. A come la tensione verso la meta ambita avesse risvegliato l’assunzione di quell'ardore di cui aveva appreso negli anni del catechismo. Sentiva, quasi con tenerezza, di riprovare emozioni preadolescenziali .
In un corto veloce si avvicendavano gli episodi della sua esistenza: l’infanzia avviata all'autonomia da parte della madre medico, assorbita dalla ferrea turnazione ospedaliera, l’adolescenza immersa nell'impegno degli studi liceali e nella contemplazione dell’attività paterna, la giovinezza universitaria allietata dai soggiorni all'estero e soprattutto dall'incontro che aveva cambiato la sua vita. E poi, la carriera giornalistica, gli infiniti sopralluoghi nelle città nevralgiche del crimine e dei poteri occulti, degli scandali e dell’incuria. Aveva denunciato e denunciato, sottoposto all'opinione pubblica, rimarcato le enormità e le anomalie di ciò che non poteva essere accettato in una società civile: aveva partecipato anche a ripetuti dibattiti in televisione.
Adesso si chiedeva, inevitabilmente, che cosa avrebbe deciso la maggioranza dei suoi conterranei.Se i consensi ricevuti, durante il cammino, potevano essere considerati estensibili a tutto il territorio o se neppure l’appoggio degli imprenditori e del governo nazionale avrebbe dissuaso la massa dal marciare in quella direzione che, a volte, gli sembrava deterministicamente già segnata.
Da una parte, si domandava se avesse continuato ad operare quell'eterna sfiducia che contraddistingue l’animo umano e dall'altra, se la possibile fiducia espressa sarebbe stata ben riposta, cioè se gli eventi e le contingenze seguite gli avrebbero permesso di soddisfare tutte le attese. In ogni caso, era certo del valore di ciò che aveva fatto: di quello in cui aveva creduto, per cui aveva lottato sottoponendo anche la moglie e i figli all'accettazione delle inevitabili conseguenze.







« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Teresa Cassani, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Teresa Cassani, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: A ritroso (Pubblicato il 12/10/2020 11:39:40 - visite: 49) »

:: Odio (Pubblicato il 24/07/2020 14:06:23 - visite: 124) »

:: Animata (Pubblicato il 03/06/2020 10:07:32 - visite: 108) »

:: La normalità della lontananza (Pubblicato il 24/05/2020 14:08:04 - visite: 113) »

:: Spettro (Pubblicato il 15/05/2020 17:24:43 - visite: 129) »

:: Ineluttabile (Pubblicato il 12/05/2020 21:18:20 - visite: 133) »

:: Limiti (Pubblicato il 24/04/2020 15:10:52 - visite: 172) »

:: L’assenza (Pubblicato il 12/04/2020 20:03:07 - visite: 136) »

:: La scelta (Pubblicato il 08/04/2020 15:05:56 - visite: 137) »

:: Ascesa (Pubblicato il 05/04/2020 18:13:50 - visite: 133) »