Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 33 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Mar 1 18:56:34 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

il senso della vita a fringrusckochta

di luca giovanni caneva
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 23/01/2021 19:09:11

IL SENSO DELLA VITA A FRINGRUSCKOCHTA

 

Ameno villaggio nella steppa siberiana, sferzato da venti gelidi incessanti, temperature mediamente attestate sui 30 gradi sottozero, una taverna ritrovo di attempati bevitori di vodka, un emporio di generi di prima necessità, una chiesetta, una pompa di benzina e poco altro. Questo è Fringrusckochta.

Quando nasci in un posto simile come il vecchio Grigoriev e il giovane Grigoriev, i punti fermi della vita rimangono le poche ore di luce che il creatore ti regala e una manciata di rubli per imbruttirti di alcool, in modo da arrivare all'ora di cena. Ma il giovane Grigoriev, in quanto giovane, aveva ancora il conquibus in mezzo alle gambe che funzionava, così ogni giorno andava alla taverna di Cidriliescubic, dove con gli amici Brogumir e Gondozcuvic incontrava le donnine, che quotidianamente spennavano la comunità di Fringrusckochta con le loro prestazioni sessuali.

Quella sera c'erano Olga, 50 anni alta 1,50 peso 92 kg, Tatiana un giunco di 30 kg alta 1,90 e Irina che aveva 30 anni fisico discreto ma strabica, infatti afferrava sempre il fallo sbagliato. Tra una vodka e l'altra, un amplesso e l'altro si intavolavano conversazioni sul senso della vita e su cosa merita di essere ricordato e vissuto, quando ad un tratto Brogumir, abilmente massaggiato dalla piccola mano di Irina, non riuscì a trattenere un getto di salute che atterrò in pieno viso a Tatiana. "Ecco quello che merita di essere vissuto" disse Gondozcuvic ingollando un altro bicchiere...

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore luca giovanni caneva, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

luca giovanni caneva, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: la cena raffreddata del vecchio grigoriev (Pubblicato il 23/01/2021 19:12:29 - visite: 34) »