:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021: classifica
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 77 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Apr 11 00:05:52 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Fuga dall’inferno

di Vincenzo Corsaro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 26/01/2021 18:35:38

Non è mai facile raccontare un fatto insolito ed essere creduto.

Un evento come quello a cui ho assistito non può non essere raccontato, ma andiamo per ordine.

La mia vita non è stata costellata da fioretti, opere pie, altruismo ecc.

sono stato uno dei peggiori criminali e come tale ho messo a segno

l'ultimo colpo che mi avrebbe fatto vivere il resto dei miei giorni come un nababbo.

Andavo verso un paese estero con la mia auto e dopo ore di viaggio mi fermo per sgranchirmi le gambe...e come succede nei migliori film

a quel punto arriva un tir e mi spiaccica sull'asfalto.

E' il colmo no? Si è proprio sfiga che più sfiga non si può.

Visti i miei precedenti finii di filato all'inferno.

Mi ritrovai sulla famosa riva dove Caronte prende a bordo le anime.

Devo dire che erano attrezzati bene, chioschi dove vendevano di tutto per noi in attesa, notai anche un cartello segnaletico con una grande freccia che indicava alla mia destra la direzione per l'inferno.

Ma quello che mi sorprese fu sentire alla mia sinistra delle grida,

non erano grida di sofferenza ma quasi di gioia, come se stessero festeggiando qualcosa.

Rimasi perplesso, ma quello che mi lasciò sbalordito fu vedere arrivare

dalla direzione nella quale dovevo andare una barca piena di anime festeggianti.

La barca si accostò per farmi salire e loro nel vedermi con uno sguardo quasi da scemo si sbellicarono dalle risa.

Ovviamente chiesi che cavolo stava succedendo, come mai invece di andare all'inferno ne venivano fuori.

Un'anima loquace mi spiegò: "Questo posto è diventato un inferno",

la guardai meravigliato, "...era quasi un paradiso, ma da quando è arrivata lei, "l'eletta" è diventato impossibile viverci.

Persino Belzebù era triste, non si divertiva più nel torturare le anime,

era lui ad essere torturato dall'eletta. Ci fu una riunione fiume con tutti i diavoli, e alla fine arrivarono alla decisione di costruire un nuovo inferno e lasciare rinchiusa da sola "l'eletta"

in quello vecchio sprangandolo dall'esterno in modo che non ne possa più uscire.

Adesso capisci la nostra esultanza?

Siamo finalmente liberi e il nuovo inferno sarà un paradiso".


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Vincenzo Corsaro, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Vincenzo Corsaro, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Il giardino non (1973) (Pubblicato il 22/01/2021 17:46:30 - visite: 49) »