:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021: classifica
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 84 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Apr 7 04:42:19 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Cercando l’uomo

di Teresa Cassani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 26/01/2021 18:58:08

CERCANDO L’UOMO

Era lui ma non era lui.
Lo aveva visto uscire da un portone e, di spalle, per il portamento e la forma della testa era davvero somigliante.
Lei per strada, istintivamente, si era messa a seguirlo tra la folla. Lo sconosciuto procedeva con le stesse movenze, mentre teneva la tracolla della cartella sul dorso.
Pedinandolo, quasi per gioco, lei riattivava il ricordo di lui.
Si rammentava di quando aveva letto alla platea degli studenti, con la sua voce chiara da attore, “Ka-be”, un capitolo del libro più famoso di Primo Levi: la scelta voleva fissare l'attenzione sull’umanità ritrovata nell’inferno del lager.
E quel suo timbro inconfondibile aveva reso plastica tutta la sequenzialità della narrazione. Nella mente di lei si stagliava nitida l’immagine iniziale dei prigionieri, fermi davanti al passaggio a livello. L’io narrante sogna di salire sul treno in transito e di rannicchiarsi dietro un mucchio di carbone senza essere visto e poi scende, si butta nell’erba, e infine viene soccorso da una donna alla quale racconta la sua vicenda.
Era lui ma non era lui.
Lo sconosciuto continuava ad avanzare tra la gente e adesso si era fermato davanti al negozio di strumenti musicali.
Lei ricordò lui sul palco mentre accompagnava con la chitarra “ La ballade des pendus”.
-Quello che mi piace di Villon è che afferma di conoscere qual è la strada del bene, ma segue quell'altra- le aveva detto.
Lui aveva organizzato in chiave moderna la rappresentazione teatrale dell’Inferno dantesco.
-Perché l’inferno?
-L’inferno nella realtà contemporanea è l’umanità con le sue dolorose contraddizioni, i suoi aspetti confusi e sviliti. In questa umanità corrosa bisogna immergersi per capire i limiti, la pregnanza del dolore, il peso della solitudine, e quindi uscirne purificati, pronti a iniziare un nuovo cammino. Un cammino di redenzione. Forse la stessa espressa da Villon con il suo appello alla pietà.
Lo sconosciuto, intanto, si era infilato in un vicolo stretto e sembrava voler accelerare il passo.
Lei fu incerta. Non sapeva se proseguire in quella sorta di inseguimento.
I ricordi l’avevano presa.
Sbirciò un attimo lungo il budello di strada, non vide tracce del probabile sosia. Forse era entrato in qualche portone.
L’aveva perso.
Era lui ma non era lui.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Teresa Cassani, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Teresa Cassani, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: La scelta (Pubblicato il 01/04/2021 16:18:21 - visite: 58) »

:: Le parti di sé (Pubblicato il 18/03/2021 17:29:41 - visite: 92) »

:: Il sogno e il ricordo (Pubblicato il 17/03/2021 11:54:41 - visite: 41) »

:: Lui, la sua arte (Pubblicato il 14/03/2021 20:07:04 - visite: 68) »

:: Per strada (Pubblicato il 12/03/2021 09:45:05 - visite: 52) »

:: Immortale (Pubblicato il 06/03/2021 19:21:57 - visite: 82) »

:: Il mostro (Pubblicato il 05/03/2021 17:07:22 - visite: 92) »

:: Leonilde (Pubblicato il 27/02/2021 17:57:46 - visite: 49) »

:: Prospettive di senso (Pubblicato il 10/02/2021 16:28:29 - visite: 108) »

:: Per sempre tuo (Pubblicato il 16/01/2021 15:19:25 - visite: 107) »