:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021: classifica
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 79 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Apr 10 00:27:47 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

L’intruso nelle vecchie stanze. Romanzo

di paolo massimo rossi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 27/01/2021 09:41:28

L'intruso delle vecchie stanze. Solfanelli Editore
La scoperta di antichi documenti in una vecchia casa abbandonata accende la curiosità del protagonista, inducendolo a scrivere una storia che si sviluppa tra la ricerca di una verità oggettiva e la falsificazione letteraria della stessa.
Immerso in una sorta di anti umanismo che risente di filosofie di stampo popperiano, il protagonista Giulio vive la modalità del raccontare come necessità di interpretare il vero e il falso nascosti in documenti e parole che, di volta in volta, viene a conoscere.
Ambiti letterari dove i pretesti sono l'occasione di parlare d' altro: le condizioni al contorno della storia lentamente si trasformano nel centro della stessa, relegando ad ambiente ciò che inizialmente doveva essere il cuore del narrato.
Dunque, il non detto e il nascosto reclamano i loro diritti, mostrandosi in nuove vesti e facendo affiorare quelle che, inizialmente, sembravano solo apparenze da archiviare: un criptato da svelare per scoprirne verità e falsità.
L'intruso è tutto questo. Ma vuole essere anche un discorso sull'ambiguità e sul fraintendimento che si svincolano da quotidianità e ipocrisia per acquisire pretese letterarie.
E ancora, è storia di una formazione culturale e di un calarsi di questa nel parlarsi anche il più banale; è una riflessione sull'interpretazione; è una lunga ininterrotta dichiarazione di sentimenti amorosi; è, infine, una ricerca di parole minuziosamente perseguita per evitare il rischio della loro insignificanza.
STRALCIO DAL ROMANZO
La luce è bassa, diffusa dalla lampada con paralume a forma di calotta semisferica in metallo brunito.
«Non vuoi sapere come si concluse la storia di Eleonora?» Le chiedo.
Fulvia on risponde, ma un imbarazzato silenzio ha implicita la risposta.
«Soffrendo le lacerazioni del proprio corpo, credo che Eleonora cercò di conservare lucidi la testa e il cuore per sperare; una lucidità che, invece, scivolerà col tempo in una deriva esistenziale, in un progressivo trascorrere da insignificanti accadimenti del quotidiano in quelli blasfemi del plagio.»
«Tu sai?»
«La memoria può sapere da altri o può interpretare.»
«Vuoi dire che è stato necessario ricostruire?»
«Non più sui diari: voci del paese dicono che Simone morì alla fine degli anni Ottanta e lei e Francesco ne depositarono il corpo fuori del portone di casa, a disposizione dell’amministrazione e della chiesa.»
«Non ci credo.»
«Chissà, forse l’ennesimo passaggio del racconto ha finito per narrare un’altra storia. A ogni modo, fu seppellito nella cappella di famiglia e Francesco partì per Torino, per abitare nella casa del fratello Simone, in fondo il suo alter ego. Andò via, io credo, quando l’età e la decadenza fisica non gli permisero più la tentazione del letto della sorella Eleonora, così morbosamente amata. Ma, probabilmente, anche per non dover più sopportare la testimonianza della propria perdizione e del proprio egoismo.»
«Non sarebbe stato certo possibile un racconto del genere nella storia ufficiale; e lei, Eleonora?»
«Morì in una casa di riposo, qualche anno fa.»
Il silenzio avvolge lo studio dell’avvocatessa Derose; tanto era stato detto, eppure nulla aveva il crisma di una verità definitiva.
«E tu? Pensi di partire anche tu?»
«Solo per qualche giorno, poi tornerò al paese, non so per quanto tempo.»
Mi alzo, e Fulvia Derose subito dopo di me.
Tempo sospeso, momento che sembra corrompere sicurezze affidabili, pronto a essere usato per addentrarsi nella conoscenza del bene e del male, tra allegrezza e morbosi abbandoni.
Mi avvio alla porta d’ingresso, camminando tra le ombre delle stanze, mentre lei ha la sensibilità di evitare ogni ferita di luce. Nei suoi occhi, intravisti appena nella semioscurità e nel silenzio, sembra che ogni attimo possa dimenticare il precedente, non mi chiedo perché.
Ci salutiamo, vicini, lei immobile nell’eleganza del corpo, per un attimo lontana dalle pretese della mente, improvvisamente pronta a tradire l’equilibrio di un’armonia tra desiderio e ragione.
Esco e cammino di nuovo lungo il Marrucino, prenderò l’auto per tornare al paese, il tempo per i bagagli.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore paolo massimo rossi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

paolo massimo rossi, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: casa d’appuntamenti (Pubblicato il 19/02/2021 18:01:34 - visite: 61) »

:: racconto minimalistico (Pubblicato il 23/01/2021 15:42:23 - visite: 57) »

:: Stralcio dal romanzo Diari sospesi (Pubblicato il 20/01/2021 11:46:04 - visite: 63) »

:: Stralcio dal romanzo Diari sospesi (Pubblicato il 19/01/2021 12:56:26 - visite: 57) »

:: Brevissimo racconto (Pubblicato il 15/01/2021 11:23:07 - visite: 47) »

:: A casa di Fanette e dintorni (Pubblicato il 07/01/2021 16:28:43 - visite: 72) »

:: percorrendo Parigi (Pubblicato il 04/01/2021 14:31:16 - visite: 53) »

:: Stralcio dal romanzo Jacob Rohault I giorni di Venezia (Pubblicato il 04/01/2021 13:45:38 - visite: 66) »

:: Dal romanzo Con gli occhi di Arianna (Pubblicato il 03/01/2021 17:32:56 - visite: 71) »

:: Tabriz (Pubblicato il 02/01/2021 08:56:01 - visite: 63) »