:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: le interviste agli autori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 83 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jun 22 00:05:53 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Altalene di neve (frammento)

di Veronica Mogildea
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 27/04/2021 22:31:16

Gli orfani bianchi.

Il volto, rimasto in ombra, dell’emigrazione delle donne dell’Europa dell’Est.

Gli orfani bianchi. Una generazione intera nata sulle rovine di un sistema ormai tramontato, che tutti criticano e dal quale, spinti da un’illusione vasta quanto il mondo, si affrettano a prendere distanze. Senza proporre niente in cambio, a parte il caos, la corruzione, il degrado. La povertà. La disperazione. Il vuoto.

Da un momento all'altro tutti cominciano ad affannanarsi e a correre, come se fosse possibile erigere una vita su un domani più incerto che mai, che sbriciolato ancora prima di nascere, offre grande opportunità a pochi e toglie la speranza a tanti.

Gli orfani bianchi. Bambini senza identità, radunati sotto un’unica parola: orfani. Nelle statistiche sono privi di nome, nominando uno, nomini tutti. Bambini maltrattati. Bambini abbandonati. Bambini dimenticati. Vittime silenziose ed innocenti delle scelte sbagliate degli adulti. Bambini con genitori in vita, ma che per un motivo o l’altro sono costretti a vivere lontani da loro. Figli di madri e padri disperati, che annegano nell’alcool e miseria, o di quelli che, con la vita stipata dentro una valigia, partono in cerca di un lavoro.

 

Viviamo nell’epoca degli addii e dei saluti amari. Ormai è diventata una consuetudine che non ci stupisce. Si parte in fretta, senza guardarsi troppo indietro, ognuno convinto di fare la cosa giusta. E di conseguenza, anno dopo anno la serenità di migliaia di bambini viene sacrificata in nome di un benessere sfuggente, che è capace di cancellare tutto, perfino la sacralità di un legame di sangue.

I genitori partono. Ma il prezzo lo pagano soprattutto i figli. Lasciati in cura dei nonni, abbandonati a se stessi o accantonati come merce inutile negli orfanotrofi, si trovano da un giorno all’altro soli, spesso senza nemmeno capire il motivo.

«Lo faccio per voi! Per il vostro futuro!» si giustificano con i figli quelli chi partono.

«E il presente?» I bambini con il cuore vedono lì, dove gli occhi degli adulti non arrivano.

«Tornerò presto» promettono allora le mamme e i papà, i sensi di colpa spezzano le voci. «Tornerò!»

Dopo un periodo di lontananza, più o meno lungo, ritornano. Con la speranza di salvare il salvabile, ricostruire da capo il rapporto interrotto con i figli.

Alcuni ci riescono, alcuni invece, no. Altri ancora, semplicemente, non tornano. Scompaiono. Dalla vita dei figli. Dei loro figli. Lo sapevano già prima della partenza, che non sarebbero tornati. È la categoria di quelli che sfuggono le responsabilità, non sentendosi in grado di reggerle e che, con la leggerezza di una scrollata di spalle, cancellano legami e promesse.

Ma i loro figli non lo sanno. Attendono. Come tutti gli altri bambini, allo stesso modo. E sperano. Finché ne hanno la forza.

Nei cuori dei bambini dimora l’attesa. Che si rispecchia in colori di varia intensità dentro le pupille innocenti dell’infanzia. A seconda del giorno. In una sintonia perfetta con il tempo. Se splende il sole, i bambini sorridono e l’attesa è leggera come un raggio di luce. Se piove, si oscurano gli sguardi, perché con il grigiore del cielo l’attesa torna a schiacciare il respiro. Diventa spessa.

Senza una spiegazione il tempo diventa lungo, fuori dal controllo, si stringe e si dilata. Divora. Lascia soltanto un piccolissimo spazio alla speranza. Che continua a palpitare. A nutrire i sogni. Comunque.

Ma i bambini sanno attendere. L’attesa si trasforma con il passar del tempo nella ragione della loro vita. Non possono rinunciare. Non vogliono. Si renderebbero complici di un tradimento che non hanno ideato loro e che respingono con tutte le energie pure, ancora non contaminate, che scorrono nelle vene.

Arriverà quel giorno, dicono, mentre i loro sguardi si spingono fiduciosi al di là delle nuvole. Non c’è spazio per i dubbi nei loro pensieri. Generosi, costruiscono ponti di fiori, arcobaleni di luce. Nel mondo che sognano non ci sono persone infelici. Abbandonate. Il mondo dei bambini abbraccia. Unisce. Non respinge nessuno. È più piccolo di un foglio di carta. Più grande dell’Universo. Perché i sogni dei bambini sono casti.

Arriverà quel giorno. Tornerà la mamma. Tornerà il papà. Meglio se tutte due insieme. Ci sarà sole e gioia. Tanta gioia. E i baci pioveranno in cascate di luce su di noi. Non ci saranno più braccia senza abbracci. Né labbra senza sorrisi. Né lacrime dentro gli occhi. Né cuori senza amore. Non ci saranno bambini tristi. Non ci saranno orfani. 

I bambini sono come gli angeli, sanno perdonare. Nella loro immaginazione le mamme e i papà sono tutti buoni. Anche le mamme assenti sono buone. Anche i padri ubriaconi, gli orchi più crudeli possono diventare un giorno buoni. Anche la mano più dura può imparare a accarezzare. Ci credono.

Ti ho perdonato mamma. Ti ho perdonato papà. Tornate, non voglio altro, basta che mi vogliate bene. Mi basta questo, per davvero, perché io vi amo.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Veronica Mogildea, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Veronica Mogildea, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Arcobaleni (Pubblicato il 25/05/2021 09:36:51 - visite: 51) »

:: Altalene di neve (frammento) (Pubblicato il 07/05/2021 09:42:36 - visite: 69) »

:: E’ tutta colpa della mela (Pubblicato il 08/06/2018 16:48:34 - visite: 436) »

:: I bambini (framm.) (Pubblicato il 11/09/2017 10:34:32 - visite: 338) »

:: La solitudine della neve ( dentro la stazione, frammento) (Pubblicato il 08/09/2017 11:01:02 - visite: 305) »

:: La solitudine della neve (frammento) (Pubblicato il 09/06/2017 09:39:04 - visite: 530) »

:: La solitudine della neve (frammento 3) (Pubblicato il 29/05/2017 11:25:35 - visite: 691) »

:: La solitudine della neve (frammento) (Pubblicato il 04/05/2017 10:48:21 - visite: 687) »

:: L’ultimo volo del gabbiano (frammento) (Pubblicato il 02/05/2017 15:27:58 - visite: 483) »

:: Luna spenta (Pubblicato il 10/04/2017 16:12:43 - visite: 408) »