:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: le interviste agli autori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 64 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Jun 21 16:56:20 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Si scrive così

di Martin Palmadessa
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 05/05/2021 11:29:25

 

Si scrive così, a biro. Così. Punto.

Ho riletto ciò che ho scritto da poco e mentre ascolto la canzone di Jovanotti & Company (che credo abbia rubato alla colonna sonora de “Gli Aristogatti” della Disney) mi spavento.

Occhio, non è paura, è spavento.

Quello che leggo mi sorprende e mi fa felice

ma anche un po' burrosamente triste.

Non ricordo quegli attimi

seppure ci metta tutto quello che mi porto

nello zaino viola dei ricordi.

Rileggo. Lo hai scritto tu? -mi chiedo-

È buono. È bello. Penso mentre prendo coscienza della realtà.

Il cielo ora è ancora greve.

Ha però smesso di buttare giù quelle lacrime pungenti

e ammantellanti.

Il vento ha ripiegato nel suo buio senza fine

ed il cielo attende un nuovo squasso

per dannare i vivi sulla terra

(e per bagnare le tombe dei morti che già si è portato via tra un librare fantabuono di respiro (il respiro))

Tutto tace ed ora niente ha parvenze rosa e turchesi

di vita propria.

Passano sulla strada orgasmi meccanici di automobili

non costruite dal Vento

ma da davanzali di futuri sopra le nuvole.

“Scrivi per noi”, mi hanno chiesto più volte.

Non so se sono in grado di farlo.

Forse sono miope.

MA PER DIO ora ci proverò.

Rischio di credere di creare un sorriso, una speranza.

 

©Martin Palmadessa - Maggio 2019
 
 

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Martin Palmadessa, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Martin Palmadessa, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Ti ho baciata di blu (Pubblicato il 12/04/2021 14:26:57 - visite: 142) »

:: La nevicata del ciliegio (Pubblicato il 02/04/2021 16:51:24 - visite: 76) »