:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE CON LE NOSTRE LETTURE CONSIGLIATE
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

La (Manu)Ela II

di Vincent Darlovsky
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 03/06/2021 23:34:02

L’indomani sono arrivato a scuola in anticipo.

Mi sono acceso un sigaro e ho sostato un po’ davanti al cancello d'ingresso. Poi ho visto la Ela arrivare in macchina. Era sul lato passeggero. Stava guidando un uomo che aveva la cravatta. Doveva essere il marito. La cosa non mi è andata giù. Prima che lei scendesse dall'auto, ho buttato il sigaro a terra, l'ho pestato e sono entrato nell'edificio in fretta per non farmi vedere. Non avevo voglia di salutarli.

Sono andato ai gabinetti. Mi sono seduto sul water e ho rimuginato per un po’. Prima di uscire mi sono masturbato e, dopo l'orgasmo, ho tirato lo sciacquone.

Quando sono entrato in aula, mi sono reso conto che l’esame era iniziato da cinque minuti. Il Presidente di Commissione mi stava guardando.

-Scusate il ritardo, ma sono stato poco bene- ho detto, evitando di guardare la Ela negli occhi.

Mi sono seduto e gli esami sono proseguiti. Durante la mattinata le ho mostrato indifferenza e ho fatto in modo di mettere in difficoltà i ragazzi durante lo scritto di inglese. Li sorvegliavo senza sosta e li riprendevo appena qualcuno di loro alzava la testa per guardarsi intorno. La Ela ha cercato un paio di volte di distrarmi. Si è messa in mezzo fra me e i banchi fissandomi ma io, entrambe le volte, le ho chiesto davanti a tutti di spostarsi onde permettere che l'esame procedesse nella legalità. Ho parlato guardando di lato. Poi, quando l'ultimo maturando ha consegnato l’elaborato, mi si è scagliata contro perché avevo messo in agitazione i ragazzi e mi ero rivolto a lei come a un'alunna. Il collega di inglese ha aggiunto che avevo esagerato. Gli ho risposto che non riuscivo a seguire i loro discorsi perché avevo la vescica piena e dovevo scappare in bagno. Il Presidente ha fatto finta di non sentire. Sono tornato ai cessi. Mentre urinavo, il water mi sembrava una bocca che faceva i gargarismi.

Sono rientrato in aula e il prof. d'inglese ha proposto a me e alla Ela di andare al bar con lui per la pausa pranzo. Abbiamo mangiato un panino e bevuto una birra a testa. La guardavo di sfuggita mentre mangiava e sorseggiava. Avrei voluto farmi imboccare la poltiglia che stava masticando.

Siamo rientrati a scuola e il collega ha corretto i compiti. Gli altri siamo dovuti restare lì perché la correzione doveva essere collegiale, però lo abbiamo lasciato solo in quanto nessuno, tranne lui, conosceva l'inglese oltre un livello elementare. Io e la Ela abbiamo detto al Presidente che saremmo andati nell'auletta delle riunioni a controllare la documentazione dei candidati per vedere se era tutto a posto. Il capo ci ha risposto che doveva andare via e che avrebbe lasciato le chiavi dell'auletta e dell'armadio dei documenti a lei, che era la vicepresidente della sottocommissione. Poi si è levato di mezzo e noi due siamo andati nell'aula.

Eravamo di nuovo soli.

Indossava un paio di jeans che le stavano stretti sul culo e una camicetta che era aperta fino al secondo bottone. Aveva le scarpe da ginnastica senza calzini. L'odore che emanava dalle running mi ha incasinato il cervello. Fissavo le sue caviglie. Nel pomeriggio sarebbe tornata a casa e avrebbe sfilato via dalle scarpe quei piedi raggrinziti per il sudore. Se lo avesse fatto davanti al marito, questi sarebbe rimasto indifferente alla scena.

Ho aperto l'armadio, ho preso la cartella e l’ho appoggiata sul banco. Lei mi si è seduta accanto a una distanza di cinque centimetri, ha aperto il faldone e si è messa a sfogliarne le carte. Le guardavo le mani. Avevano le dita affusolate. Le unghie non erano smaltate né molto lunghe. La peluria sull’avambraccio spiccava sopra la pelle che non era abbronzata. Volevo accarezzargliela. Ho provato a sfiorarla con la scusa di prendere una penna che era davanti a lei sul banco. Ho notato che le è venuta la pelle d'oca e che mi stava guardando con la coda dell'occhio.

Poi mi ha chiesto di andare a vedere se il collega di inglese avesse finito di correggere. Ci siamo alzati, abbiamo riposto il materiale e siamo andati da lui. Lo abbiamo atteso per mezzora. Quando questo ha finito, siamo usciti al parcheggio. Lì la Ela ha preso il telefonino e ha chiamato qualcuno.

Stavo per dirle se volesse un passaggio ma, prima che aprissi bocca, è arrivato il marito in macchina.

Per evitare di salutarlo ho detto ciao a lei e al collega e sono andato verso la mia auto. L'ho aperta e sono salito. Ho chinato il capo, ho girato la chiave e ho guardato verso di loro.

Ho visto la Ela entrare in macchina, che era parcheggiata a cinque/sei metri di distanza. Ha chiuso lo sportello, ha abbassato il finestrino e mi ha guardato di traverso.

Il tipo ha messo in moto. L’automobile ha accelerato in prima fino al cancello del cortile che dava sulla Provinciale, poi ha rallentato, ha svoltato a destra ed è sparita dietro la siepe.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Vincent Darlovsky, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Vincent Darlovsky, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: L’AstraSeneca e l’ex-moglie (Pubblicato il 12/06/2021 19:28:55 - visite: 111) »

:: La (Manu)Ela I (Pubblicato il 17/05/2021 14:37:24 - visite: 83) »

:: Chiesa Gotica (Pubblicato il 29/03/2021 07:30:18 - visite: 130) »

:: Vino in brick (Pubblicato il 28/02/2021 23:29:40 - visite: 104) »

:: Dora (Pubblicato il 11/02/2021 17:29:37 - visite: 137) »

:: Post mortem (Pubblicato il 05/08/2020 09:57:49 - visite: 188) »

:: Ansia anticipatoria (Pubblicato il 08/07/2020 00:50:12 - visite: 217) »

:: Solo. Solo come un cane! (Pubblicato il 28/05/2020 00:13:00 - visite: 231) »

:: Il nitido della materia (Pubblicato il 02/04/2020 08:21:49 - visite: 280) »

:: Disbrigo pratiche (Pubblicato il 21/02/2020 17:54:31 - visite: 349) »