:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 79 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri May 20 02:09:51 UTC+0200 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Tamerisco XV

di Salvatore Solinas
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 20/01/2022 20:22:53

XV

 

Piero scopre un amico tossicodipendente

 

In quei giorni decisi di aprire un conto in banca dove la biblioteca potesse versare lo stipendio. Ogni mese mi era dato un assegno colore oro che riponevo nel portafoglio avendo cura di non sgualcirlo e lo scambiavo di malavoglia in vile moneta , tanto era bello e importante, con la firma in calce del direttore e la cifra pure in calce, che suonava come un haiku che ora scandiva l’inverno, ora la primavera o l’estate, nelle sue lievi oscillazioni quantitative. Una perfetta fusione d’immagine e di numero, di poesia e di matematica, nella miniatura di un monaco dell’Alto Medioevo.

Adelina mi condusse da un suo amico impiegato in banca, un compagno di scuola del liceo. Questi, Luigi Benedetti, ci ricevette in un salotto di velluto rosso; alle pareti paesaggi di marine e ritratti di arcigni signori dell’ottocento rendevano l’ambiente austero e incredibilmente intimidatorio. Luigi fu affabile: baciò Adelina su entrambe le guance e strinse vigorosamente la mia mano. Sprofondammo letteralmente nelle poltrone, come tanti Fantozzi nella stanza del megadirettore galattico. Luigi ci illustrò con aria  professionale i vantaggi che offriva l’apertura di un conto in quella banca. Era un impiegato modello che avrebbe fatto di sicuro una brillante carriera, pensavo intorpidito dal morbido abbraccio della poltrona. Luigi era alto, perfettamente proporzionato nell’abito di lino bianco, i capelli castani tirati indietro dal gel, il viso dai lineamenti perfetti che pareva scolpito da un Canova. Eppure, dalla sua altezza, esprimeva una cordialità semplice che lo rendeva ancora più affascinante.

Dal conto in banca passammo a parlare delle vacanze: Luigi si dimostrò un profondo conoscitore dei villaggi turistici nei posti più belli del mondo. 

Nella sua breve esistenza, aveva ventitré anni, aveva fatto l’operatore turistico e aveva posseduto perfino un’agenzia di viaggi. Lo vedevo molto adatto a quel genere di vita: ai bordi di una piscina che simulava una spiaggia esotica con finti banani, ananas e grandi fiori colorati senza profumo, circondato da belle ragazze che avevano l’obbligo di divertirsi e di divertire i clienti. Dopo circa mezz'ora, espletate le formalità di rito e le doverose firme, ci congedò con due baci sulla guancia a Adelina e una calorosa stretta alla mia mano. Quando uscimmo al sole, una vampata di calore ci tolse il respiro. Ci guardammo negli occhi e Adelina, che aveva la capacità di leggermi nel pensiero, disse: “Era il sogno di tutte le ragazze del liceo uscire con lui, ma a una gita scolastica lo trovarono a letto col professore di ginnastica. Un vero peccato, un ragazzo così bello!’’

Ridemmo, e Luigi mi parve ancora più umano e simpatico.  

Quella sera ricevetti la telefonata di mia sorella. Alberta mi informava che lo zio era stato colto da un malore e si trovava ricoverato in ospedale. Mi disse che un signore  era accorso al suo capezzale, un amico, era rimasto con lui per tutto il pomeriggio. Avrebbe detto che io sarei amico di suo figlio che non vede da molto tempo e che pare sia tossico.

“Mi raccomando, io e mamma siamo molto preoccupate, sta attento a chi frequenti. Certi amici è meglio che vadano per conto loro”

Così si espresse, con quel tono di vecchia saggia che tanto mi infastidiva.

E bastarono quelle poche parole per turbare il mio sonno col gigantesco punto interrogativo che per tutta la notte pendeva  sul mio capo nel buio. Mi domandavo chi potesse essere quel signore amico di mio zio, padre di un mio amico tossico. Che io sapessi, non avevo alcun amico tossico.

Al mattino presto, prima di uscire, ricevetti la telefonata di mia madre che tra le lacrime mi informava che lo zio aveva avuto un infarto, le sue condizioni erano improvvisamente peggiorate ed era stato trasferito in rianimazione. Domandai se dovevo tornare a casa, lei mi disse che era inutile perché in rianimazione non facevano entrare nessuno. Non sono certo di essermi comportato bene in quell’occasione. Mio zio era un secondo padre, credo che se fosse capitata a me una cosa del genere, lui sarebbe accorso senza indugio. Io mi ero lasciato sopraffare dalla improvvisa pigrizia che mi coglie ogni volta che la vita deraglia dai soliti binari.




 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Salvatore Solinas, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Salvatore Solinas, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Tamerisco X seconda parte (Pubblicato il 27/05/2022 16:20:03 - visite: 10) »

:: Tamerisco IX seconda parte (Pubblicato il 21/05/2022 17:32:21 - visite: 17) »

:: Tamerisco VIII parte seconda (Pubblicato il 11/05/2022 11:25:14 - visite: 25) »

:: Tamerisco VII parte seconda (Pubblicato il 11/05/2022 08:50:31 - visite: 29) »

:: Tamerisco VI seconda parte (Pubblicato il 26/04/2022 16:51:11 - visite: 41) »

:: Tamerisco V parte seconda (Pubblicato il 18/04/2022 07:59:50 - visite: 44) »

:: Tamerisco IV parte seconda (Pubblicato il 25/03/2022 07:10:41 - visite: 102) »

:: Tamerisco III parte seconda (Pubblicato il 17/03/2022 13:11:03 - visite: 140) »

:: Tamerisco II parte seconda (Pubblicato il 08/03/2022 16:58:58 - visite: 45) »

:: Tamerisco parte seconda (Pubblicato il 03/03/2022 14:49:17 - visite: 37) »