:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Un ricordo del nostro caro amico e poeta Nicola Romano
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 142 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Sep 24 13:21:46 UTC+0200 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Tamerisco XVII parte seconda

di Salvatore Solinas
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 14/07/2022 14:39:36

XVII

 

Un treno in regalo



Il giorno seguente Adelina venne in biblioteca con un pacco: una scatola azzurra, infiocchettata con un nastro argentato. A me che la interrogavo con uno sguardo muto disse: “E’ per te”.

“Per me?”, “Certamente. Proprio per te, ti sei dimenticato che compi gli anni?”, “Il mio compleanno è tra sei giorni”

“Che importa. Siccome non potrò esserci, ho pensato di festeggiarlo oggi”. Poiché Adelina mi aveva intimato di aprirlo a casa, uscii dalla biblioteca con in mano il pacco, come fanno i medici per le ricorrenze di pasqua e di Natale con in mano le testimonianze della gratitudine dei pazienti..

Mentre scioglievo il nodo complicato del nastro, lei mi aveva raccomandato di non sciuparlo perché poteva servire per un’altra ricorrenza, Adelina preparava il tè in cucina.

“Ce l’hai fatta?” domandava impaziente. Non voleva essere presente per paura che non avessi quell’espressione di felice meraviglia che lei si aspettava alla vista del regalo.

Soltanto quando mi fu vicina col bricco del tè in mano riuscii ad aprire il pacco. Era un trenino di legno laccato in rosa e blu: la locomotiva e tre vagoni passeggeri. Lo presi in mano come fosse una biscia e in verità si divincolava come fosse vivo, lo posai per terra e restammo tutti e due a contemplarlo inginocchiati. 

“Ti piace?” mi diceva “Si, grazie, è veramente simpatico”

“Con lui potrai andare in giro per il mondo, come desideri, lontano da me”

“Andremo in giro per il mondo. Ecco, staremo seduti sull’ultimo vagone”

Nessuno mi aveva fatto più un regalo dall’età di dodici anni e  allora non piansi grazie al mio orgoglio. Era un libro, un’edizione delle mille e una notte per bambini. A me un libro, proprio a me che desideravo con tutto l’ardore di cui è capace il cuore di un bambino una bicicletta col manubrio sportivo e il cambio.

“Grazie, ma dove l’hai trovato?” 

L’aveva trovato al mercatino ecologico che si tiene un giorno alla settimana in una piazzetta del centro storico. La luce del giorno cominciava a languire nel crepuscolo. Rimanemmo abbracciati a lungo sul pavimento.

Ora, se ci penso, trovo qualcosa di dolorosamente profetico in quel trenino di legno che deposi sulla mensola del salotto davanti alla fila dei libri.

Gina, ogni volta che veniva in casa non faceva altro che lodarlo, fin tanto che un giorno le dissi che se non fosse stato un dono glielo avrei regalato.






« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Salvatore Solinas, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Salvatore Solinas, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Tamerisco X XV seconda parte (Pubblicato il 10/09/2022 08:10:49 - visite: 24) »

:: Tamerisco XXIV seconda parte (Pubblicato il 02/09/2022 16:00:32 - visite: 33) »

:: Tamerisco XXIII parte seconda (Pubblicato il 24/08/2022 08:58:06 - visite: 25) »

:: Tamerisco XXII seconda parte (Pubblicato il 16/08/2022 18:03:14 - visite: 43) »

:: Tamerisco XXI seconda parte (Pubblicato il 12/08/2022 17:20:53 - visite: 35) »

:: Tamerisco XX parte seconda (Pubblicato il 02/08/2022 17:31:57 - visite: 95) »

:: Tamerisco XIX parte seconda (Pubblicato il 25/07/2022 18:45:40 - visite: 49) »

:: Tamerisco XVIII parte seconda (Pubblicato il 20/07/2022 16:43:33 - visite: 49) »

:: Tamerisco XVI seconda parte (Pubblicato il 11/07/2022 17:22:27 - visite: 90) »

:: Tamerisco XV parte seconda (Pubblicato il 04/07/2022 15:49:59 - visite: 124) »