:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 L'età della rovina a Nardò (Lecce) il 28 gennaio 2023
🖋 Memoria o scrittura retrospettiva? a Roma il 29 gennaio 2023
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 163 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jan 29 07:57:09 UTC+0100 2023
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Inganni

di Lilith50
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 30/10/2022 14:41:30

C’è la squadra dei bravi e la squadra dei cattivi…

Tu in che squadra giochi?

Devi scegliertela bene,… pena?
La squalifica dal mondo.

C’è la squadra di quelli che hanno avuto successo e quella di chi ha abbandonato,
- prodotto non conforme -, hai presente?

Non hai superato il test di qualità!

C’è la squadra degli arroganti e quella dei sottomessi e poi c’è la squadra dei dottori, quella che ti guarisce, e quella dei pazienti.

Le era stato insegnato così fino a quando non entrò in reparto.
Ci aveva portato il figlio quindicenne.
Quanto sono fragili i ragazzi di oggi!

Un tempo non era così, o nessuno se ne avvedeva.
Lei non ricordava di aver avuto mai paturnie adolescenziali o forse erano rimaste sopite, senza esplodere per via dei problemi familiari che sua madre stava attraversando con la figlia minore, sua sorella. Certo, qualche malessere, una leggera vertigine, l’aveva provata anche lei.
Non che la nave non risentisse delle mareggiate, ma, da sola, l’aveva sempre governata bene.
Ora quel corridoio così lungo le sembrava l’anticamera del Purgatorio e, forse, lo era.

Porta dopo porta, i suoi tacchi si trascinavano dietro l’eco dei passi, da quando i cardini dell’ingresso avevano cigolato.
Cosa fai quando sotto di te è il precipizio con la follia che chiama?
Chiedi aiuto!
Le esplosioni di rabbia sono un campanello d’allarme.
Ma lei è lì che ti aspetta, nel suo camice bianco, inamidato colletto, allevierà il tuo dolore, la tua disperazione.

Ecco, alla fine del corridoio arrivava una debole luce da una stanza semiaperta.
Bussò.

- Avanti! -

- Buona sera! - rispose un po’ impacciata e si sedette di fronte alla dottoressa.
La donna dai capelli rossicci non si era né alzata né le aveva rivolto lo sguardo.

Forse le aveva dato un’occhiata sghemba.
Lei la osservò bene: sicuramente il colore dei capelli attirava l’attenzione ma la sua curiosità fu catturata dal modo di sedere della donna, quel suo star chiusa su se stessa come un riccio, la testa tra gli avambracci e le mani che le ravanavano il cuoio capelluto, come in cerca di qualcosa.

Il tempo di attesa sembrava interminabile.
Nonostante la finestra aperta, la canicola non lasciava respiro.
Finalmente prese parola.
Un lento biascicare di frasi, seguito da movimenti altrettanto lenti.
Presentava tutte le difficoltà del ragazzo ad interpretare il mondo, mostrava una grande professionalità ma, mentre parlava, sembrava che le sue mani non le appartenessero, non a quella stessa professionalità, almeno.
Si accarezzò il viso con la destra, con la sinistra iniziò lascivi movimenti sul seno. Continuò a tenere il capo reclinato mentre la mano sinistra si allungò in direzione dell’agenda e di un pennarello. Il discorso si prolungò per un po’, intanto un grande cuore prendeva vita sul foglio.
Una volta disegnato, continuò la sua opera, colorandolo.
All’improvviso, interruppe il monologo, la guardò fissa negli occhi e, sospirando rassegnata, con un filo di voce che metteva a nudo tutta la sua angoscia, mormorò: - Ho finito il rosa! -

È facile finire ai margini.
Non esistono squadre.
Siamo personaggi inquietanti, violenti e teneri, sconclusionati spesso, eppure saggi, tutti travolti da questo inganno spaventoso ma meraviglioso che si chiama VITA.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Lilith50, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Lilith50, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Lo spirito del Natale (Pubblicato il 17/12/2022 15:05:53 - visite: 79) »

:: Folle come solo io! (Pubblicato il 04/06/2022 12:27:30 - visite: 2852) »

:: Petricore (Pubblicato il 27/05/2022 00:50:12 - visite: 142) »

:: Non baciarmi davanti alla porta (Pubblicato il 04/05/2022 10:16:01 - visite: 256) »