:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 249 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Jun 10 07:14:07 UTC+0200 2024
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Giuda

di Vincent Darlovsky
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 25/02/2023 22:38:48

Stavo aspettando l’autobus a Porta Maggiore da una decina di minuti.

Era mezzogiorno e c'erano più di 30 gradi. Ho deciso di arrivare a piedi fino alla fermata successiva perché mi sentivo agitato e non riuscivo a star fermo.L'occhio mi andava alle cosce delle donne che incontravo. Quattro su cinque avevano la minigonna o gli shorts, gli zoccoli o le infradito.

Una mulatta ha attirato la mia attenzione. Stava in piedi ferma davanti a un portone sul marciapiede di una traversa e mi guardava. Aveva una canottiera attillata che le lasciava scoperto l'ombelico e una minigonna che faceva intravedere la mutandina bianca. Era di poco sopra il metro e mezzo e aveva il culo proporzionato alla statura del corpo. Le tette invece mi parevano sproporzionate. I capelli erano corvini, ondulati e lunghi fino alle scapole. Mentre la osservavo, ha fatto cenno di baciarmi. Aveva le labbra carnose.

Mi sono avvicinato.

-Ciao, Ammore- mi ha detto toccandomi il pacco.

-Ciao, Tessoro- le ho risposto -quanto prendi?-

-30 euro bocaffìga-

-Da dove vieni?-

-Mexico. Tu ssei italiano?-

-Sì. Ma non sono di Roma-

-Ok. Capito. Vieni-.

Mi ha preso per un braccio, ha aperto il portone con una mandata di chiave e siamo entrati nell’androne di un palazzo di due piani. Siamo scesi per una scala di quattro gradini. A destra c'era una porta socchiusa. Ci siamo intrufolati dentro. Un monolocale di 25 metri quadrati e senza finestre. Però c’era una presa d'aria in alto su una parete. Ci siamo spogliati e sdraiati su un materassino che era adagiato a terra e avvolto da un lenzuolo che mi sembrava chiaro alla luce di una lampada che era stata posta accanto, sul pavimento. Lo abbiamo fatto due volte in mezzora. Nell’intermezzo ho affondato la bocca tra le sue gambe e poi fra le tette. Dopo, lei si è alzata e mi ha detto:

-Ammore, il bagno è dietro la porta a soffietto. Puoi andare a sciaquarte la boca e lavarte, sse vuoi-.

-Grazie, Tessòro, sei gentile. Ma preferisco sentire il tuo odore addosso fino a stassera-

-Ahahahahah…. Che schiffosso che sei!- mi ha detto dandomi un pizzicotto sulla guancia.

Mi sono rivestito, le ho baciato la mano e ho tolto il disturbo.

Mentre attendevo l'autobus e durante il tragitto, ho cercato di non pensare al fatto che avevo speso soldi a puttane.

Sono arrivato a casa di Tiz e ho citofonato. Mi ha aperto la porta e io l'ho salutata baciandola sulle labbra.

Poi sono andato in bagno, ho lavato i denti e ho fatto i gargarismi con un collutorio a base di alcool. Mi sono fatto un bidet e dopo sono andato in cucina da lei che stava preparando da mangiare.

[…]

La sera sono rimasto a dormire lì. Faceva caldo. A letto io stavo in boxer e lei era nuda.

Voleva fare l'amore, ma io non ne avevo voglia e ho fatto finta di essermi addormentato.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Vincent Darlovsky, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Vincent Darlovsky, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Smemorati (Pubblicato il 14/02/2024 20:51:12 - visite: 141) »

:: Spioncino (Pubblicato il 31/01/2024 21:42:27 - visite: 142) »

:: Lezione frontale (Pubblicato il 10/07/2023 17:39:15 - visite: 187) »

:: La Mantide (Pubblicato il 12/03/2023 13:00:40 - visite: 249) »

:: Stendino (Pubblicato il 08/12/2022 07:20:52 - visite: 259) »

:: Gaudente (Pubblicato il 05/11/2022 06:20:16 - visite: 262) »

:: Maturi e decadenti (Pubblicato il 09/10/2022 08:03:43 - visite: 271) »

:: Barbie (Notte prima degli esami) (Pubblicato il 05/08/2022 17:20:42 - visite: 430) »

:: Sintomi preoccupanti (Pubblicato il 13/07/2022 12:46:21 - visite: 380) »

:: Visodangelo (Pubblicato il 09/07/2022 15:49:13 - visite: 426) »