:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 150 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Feb 22 20:43:48 UTC+0100 2024
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

L’imprevedibile

di Teresa Cassani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 16/10/2023 17:53:17

L’IMPREVEDIBILE

-È inutile fare polemiche. Dobbiamo essere onesti: il Ventennio ha dato alle nostre città un assetto urbanistico più ordinato, ha armonizzato gli edifici tra loro. Ed è evidente la cura per i dettagli, l’accuratezza a tratti maniacale. Il senso civico era l’obiettivo dell’epoca e si è tramandato fino ai giorni nostri-
Il mio ex collega, membro del FAI, sta esponendo gli aspetti del Razionalismo a una folta schiera di signore e signori, età media sessantacinque anni, raccolti in una accogliente saletta di palazzo Falk, a cui mi sono aggiunta anch’io.
Lo apprezzo molto per la sua chiarezza comunicativa e capacità di sintesi. Soprattutto per la passione che evidenzia.
Presentata da lui la Casa del Fascio di Como, opera di Terragni, assume le caratteristiche di una costruzione armoniosa nella sua essenzialità. Se dovessi descriverla io con i miei parametri personali, la definirei senz’altro fredda, spettrale e priva di qualsiasi fascino. Niente a che vedere con il Neoclassicismo lombardo: l’uso sapiente di decorazioni, di archi e di stucchi ha più anima, appaga l’occhio e il cuore. Tuttavia, al momento sono molto più interessata all’edilizia popolare, curiosità nata e approfondita grazie al recente viaggio a Vienna; perciò, sono ben contenta quando l’architetto mio ex collega, esponente del FAI, ci propone una visita alle case popolari di Pescarenico.
Dopo una breve conferenza a palazzo Falk, alcuni di noi formano un piccolo drappello, perché molti hanno rinunciato data la giornata piovigginosa, e marciamo lungo le vie della città. Siamo diretti alla località che a tutti ricorda il convento di Fra Cristoforo, sempre pronti a fermarci per osservare una lapide incastonata nel gneiss a indicare il toponimo originario, o i muri in serizzo memoria storica.
Descritti dall’architetto, ogni pietra, ogni piccolo elemento diventano di importanza assoluta.
A me piace sentirlo esporre. Lo conosco piuttosto bene. È una persona aperta e piena di energie, affabile e spontanea. È anche un public relation man con una rete infinita di amicizie e conoscenze.
Gli ho scritto alcune volte per chiedergli consigli su come ripartire gli spazi del mio appartamento o per lamentare certe iniziative di risistemazione di aree pubbliche.
Devo dire che accanto alla sua singolare brillantezza espressiva convive in lui un tratto irascibile, un po’ ostinato e intollerante che, talvolta, mi fa pensare, ma nel quale, in fondo, mi riconosco.
In definitiva, anche lo stimato architetto ha, come tutti i comuni mortali, le sue luci e le sue ombre.
Ma in questo giorno, nell’illustrare la bellezza e l’irripetibilità dei lasciti del passato, appare la persona in tutto il suo fulgido e potente fascino.
Dopo aver superato piazza Era, dopo aver gettato lo sguardo verso l’Adda, ci troviamo davanti a palazzo Bigoni. La facciata alta ci viene incontro nella sua maestosità. Gettiamo il capo all'indietro per cogliere l’elemento decorativo della sommità.
L’architetto inizia a spiegare, parla di Mino Fiocchi ma, improvvisamente, viene colpito da qualcosa. Lui porta una mano alla guancia destra.
Sotto un alberello bivaccano tre giovani stranieri di origine medio orientale. Uno si è alzato in piedi e, da un sacchetto prende qualcosa, sembra popcorn, per gettarlo addosso alla nostra guida.
-Professore fascista di m…! Professore fascista di m…! - grida.
Siamo meravigliati. Non capiamo.
Quello continua. Si avventa.
Gli si para davanti uno del gruppo.
-Stai calmo! Stai calmo! – gli dicono.
Un altro dei tre appostati sotto l’albero si avvicina al compagno che inveisce, gli afferra il braccio per trascinarlo via.
Finalmente l’aggressore si convince e dopo aver rovesciato un bidone della spazzatura, che fa un gran fragore, volta le spalle e se ne va.
Il mio collega ha cambiato espressione.
Noi siamo allibiti. Ci chiediamo il perché.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Teresa Cassani, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Teresa Cassani, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Schizzo (Pubblicato il 25/02/2024 12:32:21 - visite: 54) »

:: L’altrove (Pubblicato il 21/01/2024 11:37:50 - visite: 175) »

:: “Con la voce dolce più che niuna” (Pubblicato il 10/01/2024 11:39:09 - visite: 195) »

:: A mezzanotte in punto (Pubblicato il 01/01/2024 20:43:28 - visite: 129) »

:: Il cappotto (Pubblicato il 20/12/2023 09:16:21 - visite: 189) »

:: A gran voce (Pubblicato il 05/12/2023 20:41:51 - visite: 204) »

:: A ciascuno il suo (Pubblicato il 29/11/2023 11:26:50 - visite: 197) »

:: L’occasione (Pubblicato il 22/11/2023 11:32:33 - visite: 186) »

:: Il riconoscimento (Pubblicato il 13/11/2023 11:39:49 - visite: 181) »

:: Croste dure (Pubblicato il 03/11/2023 18:44:45 - visite: 176) »