Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 414 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Aug 8 17:31:42 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

attimo denso

di Dzemile Jusufi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 25/02/2015 03:31:40

Come una esplosione silenziosa che spande dentro e logora,senza dire dove andrà a influire, senza spiegare, senza avvertire. Accade fiera del suo esistere e non conosce comprensione, non fa sconti, si propaga e confonde, squote le certezze e incatena le debelozze; le somma, le moltiplica e ti rende fragile. Così fragile che la tristezza traspare dai tuoi sorrisi, la solitudine gratifica e niente è più come trenta secondi prima. Cambia tutto, è solo un attimo. Chi vive gli attimi è speciale e cambia ogni giorno, ma ogni attimo che ti rende triste, dietro a una equazione dal risultato impossibile, o dalle infinite soluzioni, tra cui nessuna certa e probabilmente nessuna a cui davvero vuoi arrivare, ogni attimo che ti rende triste, piccolo o grande attimo, è qualcosa che contiene una rabbia violenta. Troppo violenta per una vita a cui prometti gentilezza, e si scinde in frammenti la bellezza di tante prospettive, per un attimo triste che nessuno ha visto, un attimo triste che non puoi credere di aver provato, per quel attimo di cui la sfida non è trarre i lati positivi, ma essere costretto ad ammettere lati negativi. Per un attimo senza parole, nel silenzio di un delitto che non viene riconosciuto, perchè uccidere chi eri, trasformandolo in chi sei, non comporta processi e pene, ma solo quanto è dura andare avanti a testa alta.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Dzemile Jusufi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Dzemile Jusufi, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: Coronavirus e altro (Pubblicato il 14/04/2020 04:47:14 - visite: 189) »

:: Pensiero filosofico (Pubblicato il 14/11/2015 01:16:50 - visite: 600) »