:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE CON LE NOSTRE LETTURE CONSIGLIATE
Il vuoto pieno di poesia, articolo di Donato Di Stasi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Qual il modo giusto di vivere?

di Piero Passaro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 07/04/2015 14:54:31

Spesso nei momenti di svago , definibile "tempo libero" , chiedo alle persone che frequento la loro particolare opinione sul modus vivendi. Cosa intendo per modus vivendi? "Come bisognerebbe vivere?" oppure "Come deve essere vissuta la vita?" 
Si, sono domande che mi pongo in continuazione e , nonostante le argomentazioni filosofiche esistenzialiste mi interessino molto (cito Heidegger in primis, così i dotti non arricceranno il naso) , tali domande partono da un bisogno quasi naturale.
Come per mangiare , respirare e criticare , a me sorge un altro bisogno umano assoluto : chiedermi se sto vivendo bene la mia vita ; se intraprendo le giuste relazioni personali ; o se è corretto ed ha un fine ultimo affannarsi nello studio ed il lavoro. Giusto per far piacere di nuovo agli esistenzialisti , non mi pongo la domanda per antonomasia "qual è il senso della vita?" no , cerco piuttosto di capire qual è il modo giusto di viverla. L' esserci è un dato di fatto : non sarà mai spiegato ma...se non altro gli "amici" di Heidegger saranno contenti di nuovo.
Tornando ai bisogni posso poter confermare che talvolta, quasi come fosse un'emicrania o un'otite , posso sentire fisicamente lo "sgravare" di tutto. Tutto quello che sono, e che faccio , crollano improvvisamente nella spirale infinita tra il sensato e l'insensato ; diviene tutto improvvisamente degno di discussione, di dubbio e d'inutilità. Proverò ad elencare i principali massimi sistemi umani di cui sento crollare l'importanza : 
- Le passioni, che solitamente preferisco chiamare distrazioni, giungono di fronte ad un perchè come fossero un treno merci dinnanzi ad un passaggio a livello. Ogni umano vive per uno scopo creato ad arte ; esso può essere un impiego socialmente utile oppure una vocazione artistica. L' impiego è un'azione meccanica dai fini materiali, che riduce l'individuo letteralmente ad un numero, o meglio  ad un capitale umano (per far sorridere i Marxisti). Per fini non materiali invece, l'impiego diviene portante della dignità dell'individuo all'interno della società , oltre ad altre cosette come il denaro anche se non voglio però ora, spostarmi su elementi più "piccoli" ma concentrarmi solo sui sistemi massimi.
- L'arte invece, è considerata da molti esperti come la testimonanianza del nostro passaggio lungo la fetta d'esistenza a noi permessa. L'arte , e intendo tutta l'arte (mi risparmio le elencazioni Kantiane o Shopenaueriane) credo possa essere concepita , lungo i concetti filosofici-filologici-letterari della storia, come una rappresentazione dell' esistenza. Basata su sentimenti , virtuosismi e creatività. 
Senza arte "non sapremmo come vestirci il mattino prima di andare a lavoro, o non sapremmo cosa mangiare a pranzo" direbbe Belona Greenwood.
Ma nei momenti in cui mi pongo la domanda "come bisognerebbe vivere?" è impossibile non rendersi conto che l'arte rimane dunque una dolce distrazione per la domanda, più che una risposta. Già, me ne ricordo, e quando tutto è in dubbio lo diviene pure l'arte in cui credo e che tento di creare.
- Le relazioni personali ,  pur non rinnegandole mai, divengono un'altra domanda senza una vera risposta (tralasciando quella comportante l'universo : freddo e abnorme , che ci spinge ad avvicendarci con altre persone per dimenticare questa sentenza emessa da un giudice sconosciuto).
Sulle relazioni potreste dirmi che esagero, è vero; potreste parlarmi dei membri familiari e di come sia impossibile trovare un perchè all'appartenenza naturale di essi alla nostra sfera affettiva. La scienza però , spesso ci rende consapevoli e infelici , e nonostante probabilmente possa risultare superficiale , razionalizzo l'amore istintivo per i familiari con la teoria egoistica del gene del biologo Richard Dawkins.
- Esiste in effetti un ultimo massimo sistema, o filosofia di vita che dir si voglia, che potrebbe rispondere qualcuno alla domanda. Quel qualcuno, magari perchè si rende conto che una vera risposta non c'è, propone che il modo giusto di vivere sia l'istinto : seguire a ruota la complessa macchinazione di impulsi che il cervello ci suggerisce, con conseguente incuranza. Forse gli istintivi sono coloro che pur non rispondendo, si avvicinano di più all'unico modo di fronteggiare la domanda posta. Quando guardo gli istintivi rimango colpito : essi sanno coscientemente che la vita c'è ed esiste ; non si sa perchè ma è così (l'esserci Heideggeriano citato prima). Dunque per gli istintivi non importa neanche a questo punto dare una risposta, l'importante è seguire l'impulso, giusto o sbagliato che sia.

- Quali altri rimangono per chiudere il cerchio dei fondamenti umani? L'amore forse? L'amore (desidero sottolineare anche il sesso) , argomento impossibile da discutere, è la versione più sofisticata di distrazione che ci sia. Una delle forze più potenti dell'universo , seppur quasi sempre venga scambiata con possessività e, dunque , compensazione dell'ego umano. Anche l'amore , come il resto delle relazioni, trova sostegno come mezzo contrastante la "solitudine universale" che citavo prima per le relazioni. Per quanto riguarda il sesso, beh, come risposta possibile è una delle mie preferite  ma ahimè,  sempre troppo fugace e riconducibile ad un rilascio di endorfine, praticamente una droga.

- Gli ideali , infine ,sono i migliori traguardi dell'uomo pensante per quanto mi riguarda ma rimangono eternamente utopistici e mai realtà (anche solo per definizione).

Cosa rimane? L'arte, l'amore, lo scopo imposto (il lavoro), le relazioni, l'istinto ... cosa rimane di fondamentalmente umano che possa sfuggire alla domanda di definire come sia giusto vivere? 
Ho fin' ora confutato tutti i massimi sistemi che baserebbero la seguente risposta : "E' giusto vivere per ... amore, arte, persone a cui vogliamo bene, o per uno scopo che stabiliamo noi o ancora, seguendo l'istinto". Tali confutazioni le ho esposte solo per i più forti "ancorati e convinti" (ricordando loro che la convinzione è peggio della pazzia) di questi sistemi, che però sotto riflessione logica e razionale , privi di fondamento. 

Ed è così che giungo alla domanda del principio : qual è il modo giusto di vivere? Dopo questa digressione iniziale spero risulti anche a voi difficile rispondere con decisione ; tuttavia, aspetto fremente opinioni più variegate.

 

Sarà che sono giovane, appartenente a quella categoria di esseri viventi  che vive in una perenne incertezza di tutto (soprattutto oggi) , e in un mondo dove il male e il bene devono essere definiti autonomamente, senza esempi viventi, ispiranti e, soprattutto,  giustificanti!


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Piero Passaro, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa pu sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di pi vai alla pagina personale dell'autore »]

Piero Passaro, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: Il prodotto audiovisivo seriale: parere non chiesto. (Pubblicato il 19/01/2018 20:54:32 - visite: 362) »

:: Questo non hai mai letto niente di Marx, Kant, Hegel e altri (Pubblicato il 07/01/2018 12:12:57 - visite: 455) »

:: Stai parlando a te stesso (parte3) (Pubblicato il 06/11/2017 23:26:20 - visite: 507) »

:: Stai parlando a te stesso (parte2) (Pubblicato il 04/11/2017 01:31:03 - visite: 377) »

:: Stai parlando a te stesso (parte1) (Pubblicato il 29/10/2017 15:31:41 - visite: 400) »

:: Questo scritto stato acconsentito ’dall’altro’ (Pubblicato il 15/05/2016 20:59:19 - visite: 641) »

:: Considerazioni romantiche sulla musica di Beethoven (Pubblicato il 26/03/2015 15:50:55 - visite: 685) »

:: Onsoul (Pubblicato il 08/03/2015 19:11:47 - visite: 580) »

:: Non voglio imitarti ma apprezzarti ! (Pubblicato il 08/03/2015 18:52:23 - visite: 582) »

:: Discorso intorno alla mentalit delle famiglie di via Rossi (Pubblicato il 08/03/2015 18:50:10 - visite: 495) »