Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 490 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Aug 12 23:11:13 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La magia del divagare nei ragionamenti.

di Anna Giordano
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 14 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 29/11/2017 23:27:12


Prendendo una parola a caso come: infinito, ho iniziato a pensare e divagare, confidando il mio pensiero a questo foglio dicendogli: Infinito, cioè: In- finito = nel finito.

Con la parola “infinito” si definisce ciò che non ha fine, senza limiti, dando una dimensione non finita al pensiero che la rende finita. Cerco di spiegarmi o almeno ci provo, ragionando con me ed il foglio… Una cosa che è finita è definita dal pensiero qualcosa che ha tutte le caratteristiche per essere definita tale.

L’infinito, in un certo senso, assume un concetto di finito anche se la parola sia nata per dire che non ha limite, ma che, comunque, definisce con essa il limite del suo significato.
Se penso al mare che non è infinito, eppure molte volte è indicato come tale in quanto apparentemente senza limite.
Paragonandolo all'infinito, anche non essendolo, la parola: infinito, dona al mare l’immagine di qualcosa che non ha fine e né limite poiché sconfina oltre il nostro sguardo.
Permettendo alla nostra mente di capire con semplicità l’idea della sua smisurata quantità d’acqua da cui è composto e senza doverne quantificare in cifre i litri, rendendo la visione o idea che sia, più complicata da capire di quanto sia enorme la sua massa d’acqua, quando invece, può darla da sola la parola: infinito. Ciò aiuta a rendere l’idea, almeno credo, sul significato di questa parola, limitando l’infinito ad essere contenuta in una piccola parola di solo otto lettere e che a sua volta, limita in essa la quantità senza fine. E allora, direi proprio che l’infinito risieda nel suono delle parole. Parole per le quali bastano solo ventisei lettere se parliamo dell’alfabeto italiano, comprese le vocali, che ci servono per parlare e scrivere all'infinito, ed il paradosso sta proprio nell'usare un numero di lettere definito per farlo. Come pure per i numeri, con nove numeri, più lo zero, si possono generare tutte le possibilità numeriche, infinite e finite, così anche per le note musicali che sono sette e bastano per imbastire ritmi e melodie a perdita d’udito. Che meraviglia l’estro delle menti che con un esiguo numero di lettere, numeri o note possano creare col loro limite: l’infinito.

07/03/2017






« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 14 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Anna Giordano, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Anna Giordano, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: Tutti pazzi per il Corona... (Pubblicato il 02/03/2020 18:08:37 - visite: 287) »

:: Riflettere (Pubblicato il 27/01/2018 02:00:34 - visite: 520) »

:: Piccola riflessione serale (Pubblicato il 20/01/2018 00:18:56 - visite: 480) »

:: La pagina bianca (Pubblicato il 04/01/2018 22:56:53 - visite: 460) »

:: Messaggio al sindaco di Como (Pubblicato il 21/12/2017 23:47:49 - visite: 344) »

:: Ripensando il Natale (Pubblicato il 20/12/2017 21:32:22 - visite: 239) »

:: La differenza tra l’antica Grecia e l’Italia odierna (Pubblicato il 13/12/2017 00:32:44 - visite: 335) »

:: L’amicizia (Pubblicato il 08/12/2017 23:16:05 - visite: 634) »

:: Perché il cuore non si ammala di cancro? (Pubblicato il 14/11/2017 08:48:27 - visite: 791) »

:: Perché la Terra è tonda? (Pubblicato il 04/11/2017 01:11:48 - visite: 705) »