Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1006 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Feb 26 20:30:30 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Contra su chelu abantzu

di Amina Narimi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 11/10/2013 14:27:09

Non so la radice divina che tocchi

il limite matematico a dimora

solo un canto in lingua Sacrale 

parole strette  come un osso leggero

nell'orgasmo di petto alla gola

pronto a rinascere 

su frori prus bellu

 

"sta nella ferita  d’assenza

- mi dici- l’amore

nell'ombra chiara

delle prime rose"

 

Sta dove il dolore mi trasforma

le ossa nella tua guarigione

sa petza esposta al canto, 

i seni  in rose, sa bestia

di gioia, Lei,

può passare la porta stretta

sotto il cuore della terra

sotto il cielo parallelo con la schiena

-madre dalla lunga voce- 

con il sangue avanza

-contra su chelu abantzu-

lavando il petto della cerva 

fango che dorme alla luce

tutto il silenzio fuori dal torace 

vita e moto le sue vocali in carne

allo scoperto. Ama

odorando l’Assenza, infine

comente cantu 

ubriaca il dolore 

in su bentu 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Amina Narimi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Amina Narimi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: La casa respira, chiude gli occhi e ringrazia (Pubblicato il 01/01/2021 14:17:56 - visite: 91) »

:: Oltre le cime (Pubblicato il 20/08/2020 09:38:54 - visite: 137) »

:: Due ombre sottili di ogni colore (Pubblicato il 28/07/2020 15:26:03 - visite: 138) »

:: Il vento favorevole sull’erba (Pubblicato il 21/07/2020 08:43:53 - visite: 167) »

:: Un rivolo sul capo (Pubblicato il 18/07/2020 13:43:49 - visite: 186) »

:: Come fa un mattutino al sì di Maria (Pubblicato il 10/07/2020 00:58:23 - visite: 169) »

:: Il sigillo dell’angelo (Pubblicato il 08/07/2020 12:42:37 - visite: 195) »

:: Mia lucida madre fra i girasoli (Pubblicato il 05/07/2020 21:55:47 - visite: 194) »

:: Benandanti (Pubblicato il 04/07/2020 11:51:49 - visite: 203) »

:: Con lenezza e devozione (Pubblicato il 02/07/2020 12:15:18 - visite: 237) »