:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Raffaela Fazio
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 916 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Apr 18 00:18:00 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La figlia del re

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 08/06/2015 14:38:44

Solo lei sa cos'è l' amore

e se ne langue sconsolata sugli allori

predice il futuro per pochi danari

dal palmo di una mano

non vive e non muore

come i comuni mortali

si oppone agli eventi naturali

guarda lontano

 

Il suo occhio immacolato

giudica il gusto dal palato

per saggio che sia il boccone

per quanta sia la fame

la figlia del re mangia da sola

quando gli altri sono addormentati

che non sentano i suoi conati

di quando poi si vuota nel cesso

 

Il senso del potere primo all' amplesso

e il suo esercizio nell' universo

fonte di piacere da non confessare a se stessi

nel frattempo ti ferisci

guardandoti allo specchio

il solo modo in cui ti vedi

in terza persona

per sentirti diversa

da quella riflessa che compie le azioni

 

E la pelle è un vestito di seta

e le forbici hanno punte sottili

 

Ti guardo che ti guardi

poi ti reggo la fronte

mentre cerchi di vomitare

 

complici e solidali

di un antico reato 

contro la natura stessa di essere Dio

e di un identico destino

 

se sia il tuo 

che sia il mio.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Aria (Pubblicato il 05/04/2021 22:18:19 - visite: 56) »

:: Non esiste una regola (Pubblicato il 03/04/2021 22:22:24 - visite: 39) »

:: Se allunghi le mani (Pubblicato il 25/03/2021 22:26:02 - visite: 93) »

:: D’acqua salata (Pubblicato il 23/03/2021 22:42:23 - visite: 44) »

:: Naviganti (Pubblicato il 13/03/2021 00:00:09 - visite: 75) »

:: Letargo (Pubblicato il 10/03/2021 22:24:11 - visite: 82) »

:: Musica orecchiabile (Pubblicato il 01/03/2021 22:34:16 - visite: 57) »

:: All’addiaccio del mio cosmo (Pubblicato il 27/02/2021 22:24:51 - visite: 59) »

:: All’albero maestro (Pubblicato il 25/02/2021 22:43:27 - visite: 73) »

:: Di essere (Pubblicato il 20/02/2021 22:44:24 - visite: 71) »