:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
“Tre monologhi. Penna, Morante, Wilcock”, di Elio Pecora [collana Racconti (Teatro)]
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 422 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Nov 26 00:13:12 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La mappa del tesoro

di Abraxas
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 30/07/2016 13:42:06

 

Era diventato cinico da un giorno all’altro

e anche un po’ misogino, dell’altra metà

del cielo ormai ricordava solo i tradimenti

e le ferite inferte all’ultimo minuto.

Eppure lungo la strada qualcosa aveva avuto

erano sbocciati fiori, brezze e venti

lo avevano cullato lungo la via dell’età

c’erano stati temporali, ma s’era fatto scaltro.

 

Perché dunque ora era tutto solo un buco nero

un calderone confuso sull’orizzonte degli eventi

dove precipitano i ricordi e i soli non riscaldano

più l’animo e il corpo si piega alle leggi del tempo?

Perché ora sentiva che non c’era più scampo

che l’ultima astronave era partita e l’arcano

non era stato svelato, che era ora di fare i conti

col mistero della fine, che nulla più era vero?

 

Chiuse gli occhi e si abbandonò alle onde del mare

la navigazione gli era sconosciuta, la rotta casuale

lo avrebbe condotto ai confini del mondo

o riportato a riva dopo strani giri e infiniti forse.

Le rivide tutte nei suoi sogni, i suoi versi sparse

tra gli scogli e i ghiacci, poi pensò al tramonto

e al futuro che non era cominciato, al male

fatto per errore e a quello fatto con tutto il cuore.

 

Capì che il bilancio era in pari, il concorso di colpa

era certificato, se l’esistenza non è un vano remare

contro flutti insidiosi, ci sono vittorie e sconfitte

da accettare, pianti e sorrisi da giocare a dadi.

C’è il giorno che vinci, poi un altro in cui cadi

e ti rialzi, le tue radici sono tra boschi e palafitte

il senso forse non c’è, ma non è mai vano tentare

di scoprirlo, il tesoro nemmeno, ma c’è la mappa.

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Abraxas, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Abraxas, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Il nucleo del cuore è circolare (Pubblicato il 23/02/2021 09:36:10 - visite: 146) »

:: gocce di sublime (Pubblicato il 23/02/2021 09:33:49 - visite: 87) »

:: Il settimo sigillo (Pubblicato il 21/02/2021 09:18:55 - visite: 117) »

:: A guardia del cimitero delle parole (Pubblicato il 21/02/2021 09:06:22 - visite: 115) »

:: Senza sinossi (Pubblicato il 20/02/2021 09:15:42 - visite: 128) »

:: Shat mat (Pubblicato il 20/02/2021 09:11:53 - visite: 117) »

:: Il maestro del racconto (Pubblicato il 19/02/2021 12:15:34 - visite: 192) »

:: Il passaggio di gocce (Pubblicato il 19/02/2021 12:11:18 - visite: 172) »

:: Per scissione cellulare (Pubblicato il 30/10/2019 18:11:24 - visite: 310) »

:: Foci di voci (scritta insieme ad Antonia Vono) (Pubblicato il 06/09/2017 10:11:16 - visite: 494) »