Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 51 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Oct 27 01:07:27 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Amare vascolare

di Claudia Fofi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 16/09/2020 14:25:47

Cos'è successo alla mia faccia?

Dove c'era un sorriso

ora c'è una crepa

e al posto del broncio

appare un carapace.

E alle facce di tutti?

L'orologiaio

divora le farine

nelle clessidre

facendone poltiglia

aggruma i ceci

rapprende uova

per finire nel cesto

degli avanzi.

Bisogna arrendersi

trangugiare bocconi amari

citare a vanvera

sostare negli interstizi.

Il tempo crepa il viso

del mio vicino

per cui pure il mio

dev'essere sbavato

sfocato in lenti strabiche,

il mio viso è un visto

per l'uscita.

Tu, sempre con te parlo.

Da quanto non mi amavi?

Da quando le mie guance

si svuotavano giacendo

nelle notti insonni.

Da quando il mio peso

gravido sfiancava le ginocchia,

o da prima,

forse volevi un seno florido,

forse una bocca cicala,

un ovale nitido,

accenti di rosa sulla pelle

dei gomiti.

Non pena nel giudizio,

solo dire dio, dio mio,

quanta miseria.

 

Se non ho il dono di amare

non possiedo alcun dono.

Se non bagno con cura

le mie tenere foglie,

se non soffio con leggerezza

sulla piuma del tuo cuore

se non piango al tuo passare

come posso dire di amare?

Amare è grande più di un

catino privato.

E' una folla di pensieri

senza mente.

Pensare in modo vascolare.

Essere inermi.

Essere privi.

Essere abbandonati

e felici.

 

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Claudia Fofi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Claudia Fofi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Spora del soffione (Pubblicato il 18/04/2018 22:15:23 - visite: 388) »