:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Davide Savorelli
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 82 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri May 14 21:56:08 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

L’orgoglio dei vivi

di Marco Galvagni
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 19/03/2021 17:26:11

Alla memoria di mio padre

 

Ascolta l'impalpabile

ritmo del tempo:

sarai pronto nell’ora

dell’agonia

e sconfiggerai le tenebre

con la forza del silenzio;

quella forza

che, tenace, attraversa i secoli

e fa risplendere

con gran fulgore

il mistero cui t’avvicini.

Scaccerai

l’orgoglio dei vivi

con la promessa dell’eternità

e solcherai la vicenda dolce

della tua vita

penetrando il buio

con la tua scorza di diamante.

 

Vivrai il tarlo che rode

la tua coscienza scalfita

da un senso d’impotenza

con l’onore dell’età,

stinta come quel lenzuolo

di lino che pare scacciare

il freddo dell’abisso

ed io ora, padre, oso

accarezzare la tua fronte

imperlata di sudore

che, in una memoria di bambino,

conservo ancora vergine di rughe.

 

Seconda classificata nel Premio Internazionale Olympia-Città di Montegrotto (PD) 2004.

 

Pubblicata nel 2004 dalla rivista nazionale Poesia.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Marco Galvagni, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Marco Galvagni, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: La danza gialla delle foglie (Pubblicato il 03/05/2021 17:37:28 - visite: 39) »

:: L’amore fragile e puro (Pubblicato il 18/04/2021 17:27:02 - visite: 70) »

:: Il battello dei sogni (Pubblicato il 12/04/2021 16:36:40 - visite: 61) »

:: La simbiosi (Pubblicato il 07/04/2021 15:31:16 - visite: 58) »

:: Due stelle (Pubblicato il 03/04/2021 15:20:44 - visite: 36) »

:: Sul lungofiume (Pubblicato il 30/03/2021 17:34:32 - visite: 59) »

:: Ghirlanda gialla (Pubblicato il 26/03/2021 15:51:26 - visite: 42) »

:: Nel pergolato dei baci (Pubblicato il 24/03/2021 14:14:06 - visite: 46) »

:: Due rosse binarie (Pubblicato il 17/03/2021 17:33:44 - visite: 56) »

:: In queste ramature (Pubblicato il 16/03/2021 17:20:22 - visite: 84) »