:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 107 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Feb 21 16:05:19 UTC+0100 2024
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La fanciulla senza mani

di Annalisa Scialpi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 03/12/2023 22:03:34

 

Oh, fanciulla,

il diavolo non riuscì

a toglierti il tuo cappello di bambola

come quello delle zitelle alle messe serali

e tuttavia

una specie di cattiva stella

ti costrinse a tagliarti le mani,

per metterle sott'olio

accanto alle conserve.

 

E andasti avanti

come un manichino dei grandi magazzini

e tuo padre che aveva molto senso pratico

decise che era giusto comprarti anche i pattini

a rotelle,

perchè la meccanica può essere una sana abitudine.

 

E tu camminasti da nord a sud,

da est a ovest come in filodiffusione...

 

Oh, fanciulla senza mani!

Eri così pia

che ti ci voleva la bombola dell'ossigeno

e il maniglione antipanico

per le forti emozioni,

molto più che ai missionari,

così ti muovesti nel circondario

vuota come le tasche di tuo padre,

prima che accontentasse il diavolo.

Prima che ti tagliasse le mani.

 

Ma il re ti vide,

affamata come una lepre nel suo giardino

e poiché i re prendono quello che vogliono

per decreto divino,

ti prese come un pacco da regalo

con un piccolo difetto di fabbrica.

 

E tu ti muovesti nel castello

vuota come una barbie

o come il mondo prima del big-bang

o come il buco nell'ozono,

sempre onorando il re come tuo padre

o come il dio buono che gli diede vitto

e alloggio in cambio di due mani di inutile fanciulla.

 

Così, ricordando il fidanzatino di paese

come certe cose inconsistenti

che hanno tuttavia il pregio di emettere un bagliore

come le lucciole in estate,

chiamasti il diavolo

e quello disse: 'vediamo che si può fare'.

 

E siccome il diavolo gode molto

a confondere ciò che è già confuso dall'ordine,

ancora vagasti,

fino a una piccola cellula gestita alla maniera

di un centro estetico.

 

Avevi con te il tuo piccolo bruchino,

che avevi chiamato Addolorato

per non illuderlo sul destino.

 

E fu lì,

In quella dimora fungo nascosta nella neve

che ti crebbero le mani.

Ma il re riuscì a trovarti

e faceste una seconda cerimonia

sfarzosa come i matrimoni pugliesi,

poi egli fece alle tue vecchie mani

un'urna con un basilisco

per i giorni di noia,

 

e aprì un tiket office

e nella reggia museo

vennero tanti visitatori

da tutto il mondo

come ai Vaticani

 

e il re potè commuoversi

e spalare un po' il ghiaccio dal cuore

al ricordo dei vostri primi incontri,

persi in tempi ormai lontani

in cui tu

non avevi le mani.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Annalisa Scialpi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Annalisa Scialpi, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: La mia casa (Pubblicato il 21/02/2024 21:42:07 - visite: 35) »

:: Ma tu lo stesso, venisti (Pubblicato il 21/02/2024 19:28:52 - visite: 38) »

:: Ho scelto di morire (Pubblicato il 21/02/2024 19:13:12 - visite: 20) »

:: Come astro caduto (Pubblicato il 19/02/2024 22:23:49 - visite: 34) »

:: Per sopravvivermi (Pubblicato il 19/02/2024 21:44:49 - visite: 36) »

:: Stammi dentro (Pubblicato il 18/02/2024 18:05:24 - visite: 56) »

:: Luce antica su Roma (Pubblicato il 18/02/2024 17:41:54 - visite: 31) »

:: Come foglia accartocciata (Pubblicato il 13/02/2024 11:42:31 - visite: 47) »

:: Tu resti (Pubblicato il 12/02/2024 10:45:27 - visite: 48) »

:: Il segreto (Pubblicato il 12/02/2024 07:16:01 - visite: 35) »