Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 174 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Nov 22 08:02:33 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Acquainted with the Night


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 08/06/2020 12:00:00

 

I have been one acquainted with the night.
I have walked out in rain—and back in rain.
I have outwalked the furthest city light.

 

I have looked down the saddest city lane.
I have passed by the watchman on his beat
And dropped my eyes, unwilling to explain.

 

I have stood still and stopped the sound of feet
When far away an interrupted cry
Came over houses from another street,

 

But not to call me back or say good-bye;
And further still at an unearthly height,
One luminary clock against the sky

 

Proclaimed the time was neither wrong nor right.
I have been one acquainted with the night.

 

 

 

Confidenza con la notte

 

Io sono uno che ha confidenza con la notte.
Ho fatto nella pioggia la strada avanti e indietro.
Ho oltrepassato l’ultima luce della città.

 

Sono andato a frugare giù nel vicolo più tetro.
Ho incontrato la guardia nel suo giro
Ed ho abbassato gli occhi, per non spiegare.

 

Io ho trattenuto il passo e il mio respiro
Quando da molto lontano un grido strozzato
Giungeva oltre le case da un’altra strada,

 

Ma non per richiamarmi o dirmi un commiato;
E ancora più lontano, a un’incredibile altezza,
Sullo sfondo del cielo un orologio illuminato

 

Proclamava che il tempo non era giusto, né errato.
Io sono uno che ha confidenza con la notte.

 

 

 

[ da Conoscenza della notte e altre poesie, Robert Frost, Mondadori, traduzione di Giovanni Giudici ]

 

Robert Frost

 Fotografia di Fred Palumbo, World Telegram staff photographer - Library of Congress. New York World-Telegram & Sun Collection.

http://hdl.loc.gov/loc.pnp/cph.3c20742

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: sguardi sul mondo intorno e dentro (Pubblicato il 23/11/2020 12:00:00 - visite: 87) »

:: Vento blu (Pubblicato il 16/11/2020 12:00:00 - visite: 134) »

:: tre poesie (Pubblicato il 09/11/2020 12:00:00 - visite: 126) »

:: due poesie (Pubblicato il 02/11/2020 12:00:00 - visite: 125) »

:: due poesie (Pubblicato il 26/10/2020 12:00:00 - visite: 130) »

:: sa plume rêche (Pubblicato il 19/10/2020 12:00:00 - visite: 159) »

:: Les stupra - Gli stupri (Pubblicato il 12/10/2020 12:00:00 - visite: 145) »

:: Coleoptera (Pubblicato il 28/09/2020 12:00:00 - visite: 209) »

:: Vita meravigliosa (Pubblicato il 14/09/2020 12:00:00 - visite: 289) »

:: In che luce cadranno (Pubblicato il 07/09/2020 12:00:00 - visite: 258) »