Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 443 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Dec 2 17:10:38 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Linea di galleggiamento


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 03/08/2020 12:00:00

 

*

 

Resto con la cerniera abbassata
attorno alla mia parte nuda:
a quanti metri di buio
il mio diventa il nostro?

 

Sotto le fughe dei pavimenti
condividiamo urgenze e bisogni
e succede lontanissimo dagli occhi
quello che non accade guardandoci.

 

 

 

*

 

La bottiglia socchiusa dell'acqua
sul comodino è una Madonna
e attorno il resto della salvezza:
telefono-fazzoletto-pastiglia.

 

Coricarsi è un pellegrinaggio
chiedendo la grazia del sonno
per smarrirsi nelle coperte
giocando a non esistere.

 

 

 

*

 

A morticino si giocava d'estate
quando le onde sono svenute
facendo all'amore con il cielo
come ci urlava il bagnino.

 

Infatti il nostro sedere
doveva spingere nel sole
altrimenti la passione ti sganciava
e diventavi una giovane pietra.

 

A noi acerbi e senza tatto
quell'amore veniva incerto
ma audace si concludeva negli occhi
e la speranza era scienza di tutti.

 

 

[ da Linea di galleggiamento, Luca Bresciani, LietoColle ]

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: Hymne an die Nacht - Inno alla notte (Pubblicato il 30/11/2020 12:00:00 - visite: 76) »

:: sguardi sul mondo intorno e dentro (Pubblicato il 23/11/2020 12:00:00 - visite: 137) »

:: Vento blu (Pubblicato il 16/11/2020 12:00:00 - visite: 152) »

:: tre poesie (Pubblicato il 09/11/2020 12:00:00 - visite: 139) »

:: due poesie (Pubblicato il 02/11/2020 12:00:00 - visite: 137) »

:: due poesie (Pubblicato il 26/10/2020 12:00:00 - visite: 139) »

:: sa plume rêche (Pubblicato il 19/10/2020 12:00:00 - visite: 173) »

:: Les stupra - Gli stupri (Pubblicato il 12/10/2020 12:00:00 - visite: 151) »

:: Coleoptera (Pubblicato il 28/09/2020 12:00:00 - visite: 212) »

:: Vita meravigliosa (Pubblicato il 14/09/2020 12:00:00 - visite: 321) »