Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 261 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Nov 29 09:38:54 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

In che luce cadranno


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 07/09/2020 12:00:00

 

In memoria di Gabriele

 

*

 

I morti tentano di consolarci
ma il loro tentativo è incomprensibile.
Sono i lapsus, gli inciampi, l’indicibile
della conversazione. Sanno amarci
con una mano – e l’altra all’Invisibile.

 

*

 

Ho conosciuto un uomo che leggeva
la mano ai morti. Preferiva quelli
sotto i vent’anni. Tutte le domeniche
nell’obitorio prediceva loro

 

le coordinate per un’altra vita.

 

*

 

Giorno di Venere; i morti si sposano.

 

La loro casa è colma di fiori;
sui pavimenti, sui muri, sui letti.

 

La stoffa si sfilaccia. Gli invitati
passano il pomeriggio nella luce

 

abbagliante del mare, su un tappeto.

 

*

 

Ecco perché le maschere mortuarie.
I morti recitano spesso i classici
nei pozzi pieni d’acqua o nelle vasche
da bagno. Li stravolgono con varie
amenità: li narrano al contrario
o li chiudono dopo tre battute.

 

*

 

Si parlava dei morti. Sulla tavola
i resti sparsi della cena – quelle
bistecche appena cotte. Il frigorifero

 

in dialogo amoroso con le stelle.

 

*

 

Se la madre dei morti è sempre polvere,
i morti cercano la loro madre

 

ogni sabato sera sulle spiagge
libere; sotto le sedie o nei gelati

 

caduti di mano ai ragazzini
in chissà quante estati, in chissà quanti

 

alberghi, marciapiedi, lungomari.

 

 

[ da In che luce cadranno, Gabriele Galloni, RPlibri ]

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: Hymne an die Nacht - Inno alla notte (Pubblicato il 30/11/2020 12:00:00 - visite: 6) »

:: sguardi sul mondo intorno e dentro (Pubblicato il 23/11/2020 12:00:00 - visite: 123) »

:: Vento blu (Pubblicato il 16/11/2020 12:00:00 - visite: 147) »

:: tre poesie (Pubblicato il 09/11/2020 12:00:00 - visite: 132) »

:: due poesie (Pubblicato il 02/11/2020 12:00:00 - visite: 132) »

:: due poesie (Pubblicato il 26/10/2020 12:00:00 - visite: 133) »

:: sa plume rêche (Pubblicato il 19/10/2020 12:00:00 - visite: 172) »

:: Les stupra - Gli stupri (Pubblicato il 12/10/2020 12:00:00 - visite: 148) »

:: Coleoptera (Pubblicato il 28/09/2020 12:00:00 - visite: 211) »

:: Vita meravigliosa (Pubblicato il 14/09/2020 12:00:00 - visite: 304) »