:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE CON LE NOSTRE LETTURE CONSIGLIATE
Il vuoto è pieno di poesia, articolo di Donato Di Stasi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 261 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Jul 29 16:17:51 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

All’altro capo


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 22/03/2021 12:00:00

 

AL POSTO DI UNA BALLATA

 

A volte in sogno passano i miei morti,
Quelli veri, consunti dalla vita,
Quelli che ho ucciso da me
Con leggerezza e giusto rimpianto.


Quando giungono all’estremo dell’occhio
Qualcuno ancora si volta, mi saluta
Chiamando nomi diversi dal mio.


Al risveglio apro la tenda, se è primavera
Guardo oltre i vetri, allungo il braccio,
Strappo una foglia. E tutto qui,
In quest’aria che nuovamente invoglia.

 

 

 

TUTTI INSIEME

 

Ci sono state guerre o qualcosa che ricordi come tali
Un letto grande, ma a sera diventava così stretto
Come il mare dell’infanzia quando si ritira su un’isola triste
I respiri si accavallavano nel sonno e pure l’isola
Si accavallò sul suo atollo disperso e poi svanì
Come un ricordo fortuito. Sotto la crosta del lenzuolo
Un mondo di bugie, di sospetti, il nascondino
Delle colpe e dei segreti coltivati come un raccolto
Fuori stagione. Non c’erano più numeri
Per potervi ancora contare. La storia che vi ha inghiottiti
Non l'ho inventata, non l'ho scritta io.

 

 

 

FOTOGRAFIA DELLA TOVAGLIA

 

Infine giunse il piatto. La barca era arrivata in porto
Perfettamente allineata alla banchina.
Ogni gesto occupava fette di cielo
E disegnava sulle pieghe ali di poiana
E le posate erano arpioni.
Non potevano esserci aquiloni −
Non c'era una spiaggia dove correre.
Ma risate, queste non mancarono,
E il plenilunio intermittente di un flash.

 

 

[ da All’altro capo, Roberto Deidier, Lo Specchio Mondadori ]

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: O Minotauro (Pubblicato il 26/07/2021 12:00:00 - visite: 83) »

:: La Prigioniera: studio grafico-poetico (Pubblicato il 19/07/2021 12:00:00 - visite: 121) »

:: Secondo natura VI e IX (Pubblicato il 12/07/2021 12:00:00 - visite: 141) »

:: La troga (Pubblicato il 05/07/2021 12:00:00 - visite: 116) »

:: Il Sabba (Pubblicato il 28/06/2021 12:00:00 - visite: 119) »

:: La vita è altrove (Pubblicato il 21/06/2021 12:00:00 - visite: 175) »

:: Libro del Sole (Pubblicato il 14/06/2021 12:00:00 - visite: 110) »

:: Invisibile (Pubblicato il 07/06/2021 12:00:00 - visite: 119) »

:: La strage degli aquiloni (Pubblicato il 31/05/2021 12:00:00 - visite: 119) »

:: Teatrin de vozhi e sienzhi (Pubblicato il 24/05/2021 12:00:00 - visite: 263) »