:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 classifica e vincitori del Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia_settimanale
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 175 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Aug 14 15:52:58 UTC+0200 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Io non posso uscire dal mio pensiero


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 16/05/2022 12:00:00

 

...E se fossi vittima di un’illusione?

Mi sento obiettarmi:

quello che è in me, è l’immagine,

il riflesso, l’idea dell’universo.

Il pensiero non è che il fantasma

del mondo offerto a ciascuno di noi.

L’universo per sé stesso esiste

all’infuori di me, indipendentemente da me,

con tale immensità

da far sì che io sia un nulla

e come già morto.

Se anche io non fossi,

o se chiudessi gli occhi,

l’universo sarebbe egualmente.

 

Un’angoscia, una ferita fresca

mi stringe lo stomaco…

Poi ecco che un grido sale dentro di me,

un grido lucido, cosciente e indimenticabile

come un accordo sublime di tutta la musica: «No!».

 

No. Non è così. Io non so

se al di fuori di me l’universo

possiede una realtà qualsiasi.

Quello che so, è che la sua realtà

non appare che per mezzo del mio pensiero

e che fin dal principio esso non esiste

se non per l’idea che me ne faccio.

Sono io che ho fatto sorgere

le stelle e i secoli e che ho teso il cielo

nella mia testa.

Io non posso uscire dal mio pensiero.

Non ho il diritto di farlo,

senza errori e senza menzogne.

Non posso. Ho un bel tentare

di dibattermi come per sfuggire da me stesso:

non posso concedere al mondo

altra realtà che quella della mia immaginazione.

Credo in me e sono solo,

poiché non posso uscire da me stesso.

Come immaginare senza impazzire

che io non sia solo?

Quale cosa potrebbe provarmi

che oltre l’insuperabile pensiero

il mondo abbia un’esistenza disgiunta da me!

 

 

[La poesia qui proposta è un libero adattamento in versi della scrittura in prosa tratta da L’infernoHenri Barbusse, trad. di Manuela Madama, Edizioni di Atlantide, pagina 236]

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione Poesia_settimanale, ha pubblicato anche:

:: Fra le camere (Pubblicato il 09/07/2022 12:00:00 - visite: 106) »

:: Il mondo sul filo (Pubblicato il 27/06/2022 12:00:00 - visite: 87) »

:: Morte del partigiano (Pubblicato il 25/04/2022 12:00:00 - visite: 125) »

:: Quaderno croato (Pubblicato il 18/04/2022 12:00:00 - visite: 151) »

:: Autobiografia del silenzio (Pubblicato il 11/04/2022 12:00:00 - visite: 293) »

:: Quattro inediti (anticipazione) (Pubblicato il 04/04/2022 12:00:00 - visite: 446) »

:: La pace senza vincitore e senza vinti (anticipazione) (Pubblicato il 28/03/2022 12:00:00 - visite: 338) »

:: Poeti russi e ucraini (Pubblicato il 21/03/2022 12:00:00 - visite: 281) »

:: Memorie di un’avventuriera (Pubblicato il 07/03/2022 12:00:00 - visite: 152) »

:: O soldado morto (Pubblicato il 02/03/2022 10:20:00 - visite: 151) »