Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Saggio
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 2255 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Nov 21 23:50:27 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La Bibbia e la poesia d’amore

Argomento: Letteratura

Saggio di Yehuda Amichai (Biografia)

Proposta di Loredana Savelli »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 11/02/2012 14:09:16

La differenza tra una poesia d'amore e un passo della Bibbia è minima: ogni poesia è una preghiera, in chiesa, nella sinagoga o altrove.

L'unica differenza è che le metafore e le immagini cambiano, ma il sentimento fondamentale dell'amore, il dispiacere nel dover lasciare una persona amata, o il fatto che le persone si cerchino l'un l'altra sono gli stessi.

Se leggete la Bibbia, trovate che si parla d'amore, di persone che s'innamorano, che cercano l'amore e che lo rimpiangono. Nulla è veramente cambiato, dalla Bibbia, attraverso Petrarca fino ai nostri giorni. Sono cambiate le immagini.

Ecco un esempio di questo cambiamento. Nel "Cantico dei cantici" il poeta dice a una donna : "Il tuo collo è come la Torre di David" - che non è la torre che conosciamo oggi. In effetti, qualche migliaia di anni fa quello era un complimento; ma se oggi un uomo dicesse lo stesso a una donna, probabilmente si beccherebbe uno schiaffo in faccia. "Per chi mi hai preso, per una giraffa?", direbbe lei. Ma a quel tempo voleva dire che la donna era molto bella, che aveva un bel portamento. Che cosa avreste potuto dire voi italiani? Sei bella come Palazzo Venezia o la Torre di Pisa?

Sempre nel "Cantico dei Cantici", vi è una bellissima poesia che dice "Sei come un cavallo", un paragone di difficile comprensione, oggi. Forse la traslazione contemporanea potrebbe essere: "Mi sembri una Volvo 1998 o un Boeing 767".

Solo le civiltà cambiano, tutto il resto rimane uguale. Io non credo che l'uomo muti profondamente o, forse, questo accadrà in altre migliaia di anni e, in questo caso, perché preoccuparsene?


(la traduzione è di Nitzana Rottemberg)


(tratto da "Ogni uomo nasce poeta", Di Renzo editore, 2000)

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Loredana Savelli, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Loredana Savelli, nella sezione Proposta_Saggio, ha pubblicato anche:

:: [ Letteratura ] Giorgio Caproni, poeta della leggerezza , di Giuseppe Grattacaso (Pubblicato il 24/01/2015 07:42:47 - visite: 2160) »

:: [ Educazione ] da Fantasia , di Bruno Munari (Pubblicato il 15/12/2011 08:05:23 - visite: 4102) »

:: [ Psicologia ] Intelligenza e benessere psicologico , di Elisa Balconi (Pubblicato il 12/07/2008 07:16:30 - visite: 1541) »

:: [ Letteratura ] Sull’Amore , di Filippo Tommaso Marinetti (Pubblicato il 02/07/2008 12:58:18 - visite: 1544) »

:: [ Filosofia ] L’esperienza dell’infinito o della libertà , di F. Nietzsche (Pubblicato il 16/05/2008 - visite: 1803) »

:: [ Filosofia ] L’attesa e la speranza , di Umberto Galimberti (Pubblicato il 16/05/2008 - visite: 5813) »