Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Recensioni
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
Pagina aperta 190 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Jul 20 01:55:42 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Che ne è stato di te, Buzz Aldrin?

Romanzo

Johan Harstad
Iperborea

Recensione di Anna Maria Voltan
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le recensioni scritte dall'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 08/05/2019 12:00:00

 

Ho iniziato a leggere Che ne è stato di te, Buzz Aldrin? quasi per caso, come spesso avviene, incuriosita dall'insolita veste editoriale e dalla bella copertina di Martin Barraud; l'ho letto d'un fiato senza riuscire a staccarmi dalla scrittura nuova, fresca e pacata del talentuoso norvegese Johan Harstad (e della brava traduttrice Maria Valeria D’Avino). 

Si tratta di un romanzo di formazione (un genere che amo) scritto dall’autore a soli 23 anni; un romanzo leggero ma non superficiale, sottilmente ironico, ma anche profondamente malinconico, dalla scrittura armonica, ritmata dalla musica rock che fa capolino di continuo tra le pagine. Che ne è stato di te, Buzz Aldrin? è un provocante e intelligente inno al non apparire che fa riflettere  su questi nostri tempi e questa nostra società ossessionata dal protagonismo ad ogni costo.

 

Come Edwin ‘Buzz Aldrin’, quello che nessuso ricorda perché sulla Luna il piede ce l’ha messo per secondo, il protagonista Mattias aspira alla pace, al silenzio, all’oscurità, in un mondo in cui tutti sgomitano per essere sotto i riflettori; invece delle celeberrime parole pronunciate da Neil Armstrong “Questo è un piccolo passo per un uomo, ma un balzo da gigante per l’umanità”, Mattias ha sempre in mente quelle del suo eroe, Aldrin, che nell’occasione fu molto più minimalista e intimo: “Magnifica desolazione”, disse, una volta sceso sul suolo lunare.

Dopo un’adolescenza solitaria, trascorsa all’ombra di pochissimi fidati amici e illuminata da Helle, la ragazza che riesce a conquistare in un raro momento di coraggio, il tranquillo giardiniere Mattias continua a condurre una vita adulta molto normale, fin troppo normale, ma che lo rende, a modo suo,  felice:

Volevo appunto questo.

Essere un ingranaggio ben funzionante.

Fare la cosa giusta.

Nient’altro.

Era vigliaccheria?

Davvero? 

Finché improvvisamente l'invisibile Mattias perde il lavoro, la fidanzata lo lascia e si ritrova perso. Il suo amico Jorn, chitarrista in una band musicale, dopo averlo sentito cantare (in realtà Mattias un talento ce l’ha: canta in modo straordinario, ma soprattutto riconosce i singoli suoni e i singoli strumenti musicali di un qualsiasi brano e riesce addirittura a isolarli) gli chiede di accompagnare la sua band in tournée alle Fær Øer. Mattias accetta e si trasferisce lì, in un piccolo villaggio dove inizia un lungo e doloroso percorso di crescita con un gruppo di ragazzi che, come lui, cercano di rimettere insieme i pezzi della propria vita e riprendere il loro cammino.

Questo ‘viaggio’ di Mattias verso la sua luna è una interessante riflessione sulle debolezze dell’animo umano, sulla difficoltà di vivere, sulla necessità di aggrapparsi alla certezza di rapporti veri e autentici in un mondo invaso da troppa comunicazione instabile ed insicura. 

In quel luogo magnificamente desolato, isolato dal mondo, Mattias ritrova a poco poco sé stesso e può ripartire per affrontare i fantasmi della propria solitudine e scoprire che sono solo la sincera amicizia e l’amore vero ad impedirci di scomparire completamente. 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »