:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 L'et della rovina a Lecce il 9 febbraio 2023
🖋 Rethorica novissima a Roma il 10 febbraio 2023
🖋 Le rovinose a Firenze il 10 febbraio 2023
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Recensioni
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
Pagina aperta 129 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Feb 6 22:44:00 UTC+0100 2023
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Eppure

Poesia

Emanuela Mannino
Edizioni Controluna


Recensione proposta da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 20/01/2023 12:00:00

 

[Recensione di Mario Fresa]

 

Sul corpo della poesia di Emanuela Mannino (Palermo, 1976) spira un’aura di rigenerazione e di rivelazione, pronta a diventare nuova luce rafforzante, nuova rinascita riparatrice e temperante. Il suo libro più recente, Eppure (Edizioni Controluna, 2022, pp. 72, euro 11, 50), ci offre una scrittura aperta, fiduciosa, frontale che non teme di registrare con fermezza adamantina la memoria del salvato, del già avvenuto, trasformandola in energia rinnovellata, sospinta dal sogno acuto di una vicina e alta risurrezione, sia personale sia collettiva.

Qui lo sguardo del poeta, con un’assidua concentrazione, si muove in una direzione tutta molecolare ed effusiva e non indugia troppo su sé stesso: il soggetto non è in posa, nella scrittura di Mannino, perché esso guarda sempre l’altro e il fuori; e sempre si rispecchia nello sguardo del prossimo, chiedendo senza sosta un’amorosa rispondenza, un energico e vivace segnale di risposta. Ogni testo, così, non fa che attendere una viva risonanza, o un autentico risveglio che si dimostri mobile e operoso: «Sento tutto questo soffiare di fughe cieche / cieca di sonno / più non sono».

Poesia non monologante, dunque, il cui procedimento mira, senza tregua, a evocare l’instaurazione di un legame non corruttibile con tutto ciò che ancora è possibile e risanabile, avanzando, in ogni pagina, a un sentimento di umana e luminosa accettazione delle vicende dell’esistenza: «Chissà se il mondo / non cadrà nella fretta / che invecchia i fili d’erba. […] Attendere l’oro / che trabocca dai respiri pazienti del vento».

La scrittura poetica assume, allora, una potenza rituale in cui il soggetto del poeta vuole spezzare (o dimenticare, o rimuovere) il tempo dell’aspettazione e dell’illusione: sicché tutto può essere, infine, in questa prospettiva, ribaltato o ricostruito, ricondensato o consolidato; e la stessa parola forte della poesia si ritrasforma in una sorta di continua, alta ricongiunzione con tutto ciò che si è smarrito o che si è franto, perpetuando il desiderio di interdire, anche nel solo spazio di un respiro, i tetri ostacoli della finitudine e dell’irreparabile, o della finale, naufragante dissoluzione del nostro essere: «Mi hai detto ciclamino. / Eppure, l’ombra. […] Dov’è finita / la poesia del vero / oltre i chiaroscuri / del magro tempo?».

 

M.F.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »