:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Recensioni
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
Pagina aperta 1895 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Oct 14 08:59:30 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La ragazza dello Sputnik

Romanzo

Murakami Haruki (Biografia)
Einaudi

Recensione di Giuliano Brenna
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le recensioni scritte dall'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 20/01/2009 00:52:01

Un uomo e una donna, Sumire, si completano perfettamente sul piano spirituale, ma la ragazza non ha attrazione sessuale per lui, che invece vorrebbe avere con lei una relazione normale, che sente, potrebbe essere bellissima. Improvvisamente la ragazza si innamora di una donna più adulta di lei, Myū, che la fa entrare nel suo mondo, ma che non riesce a portare la relazione più in profondità, inoltre la donna ha un segreto terribile che la porta a non avere più nessun tipo di stimolo sessuale. Poi, di colpo, la ragazza sparisce, il mondo del reale, sembra capovolgersi, non si capisce da quale lato dello specchio ci si trovi, ciò che era reale sembra scolorare nell’irrealtà. La storia è narrata dall’uomo che, come spesso accade nei libri di Murakami, non ha nome, ed è molto semplice in molte delle sue parti, non vi è un frenetico susseguirsi di avvenimenti, ma, più che altro, l’autore ci dà i colori, il gusto di quanto accade attraverso bellissime metafore e descrizioni assai efficaci. Verso la fine del libro si scopre il segreto della donna, quel fatto che l’ha fatta incanutire di colpo, ed è una trovata assolutamente geniale, che riesce perfettamente a mostrare la “porta” fra due mondi contigui ma che raramente comunicano; di tanto in tanto qualcuno passa da uno all’altro, lasciando un grande vuoto e una specie di tangibile rimpianto dietro di sé. Il romanzo inizia in modo assolutamente realista ma poi, pian piano, comincia a scivolare verso una zona grigia fra realtà e sogno, affascinando il lettore. A tratti si ha l’impressione di una sorta di coloritura autobiografica del racconto, in cui Murakami si rispecchia nella ragazza, dapprima non riesce a scrivere nulla di compiuto, ha tantissime idee, parole le affollano la mente, a migliaia, ma non riesce a dare loro una forma compiuta, possiamo immaginare che il grande autore che oggi conosciamo, abbia avuto degli esordi non perfetti. Poi incontra la donna, che con la sua esperienza sulla ruota panoramica che l’ha fatta incanutire indica a Murakami/Sumire, l’esistenza della porta fra i due mondi, il reale e l’immaginario, fra ciò che è vero e ciò che potrebbe esserlo, o ciò che si può inventare scrivendo, che è un argomento costante nei libri di Murakami; attraverso la porta, si può attingere l’essenza in grado di dare forma alle parole disordinate. Infatti Sumire quando è in Grecia, prima di scomparire scrive due racconti molto eloquenti. Poi la sparizione, compiendo il passo attraverso la porta si diventa un altro, Murakami, lo scrittore che ammiriamo, Sumire, non si sa, perché l’autore non vuole svelare esattamente chi è ora che possiede le “chiavi della porta” sull’oscurità. Il romanzo si può anche leggere in trasparenza sovrapponendolo al “paese delle meraviglie” con cui ha numerose analogie, soprattutto sul tema del viaggio, dello spostarsi, fisicamente, ma all’interno di noi stessi, ma da cui è stata concussa la parte della “fine del mondo”, forse Sumire non ha fatto in tempo a crearla nella sua mente per poi andarci, o forse è tutto il contrario, per Sumire la vita reale era “La fine del mondo” ed è semplicemente tornata nel suo paese delle meraviglie.
Come si può notare anche in un libro apparentemente semplice come questo, Murakami riesce a spargere una sorta di polvere magica che non si nota, ma in certe notti alcuni particolari brillano d’una luce peculiare che lascia presagire che vi sia molto di più, non distante, sotto i nostri occhi, ma che non riusciamo ad afferrare, per il momento…

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Leggi altre recensioni ai libri di Murakami Haruki:

:: Nel segno della pecora - Einaudi
(Pubblicata il 04/11/2011 12:00:00 - visite: 4591) »


:: L’elefante e i salici - Einaudi
(Pubblicata il 08/04/2011 12:00:00 - visite: 2263) »


:: L’arte di correre - Einaudi
(Pubblicata il 21/05/2010 12:00:00 - visite: 1905) »


:: Norwegian Wood (Tokio blues) - Einaudi
(Pubblicata il 12/11/2008 00:50:41 - visite: 1950) »


:: La fine del mondo e il paese delle meraviglie - Edizioni Einaudi
(Pubblicata il 28/07/2008 01:25:14 - visite: 5034) »


:: Kafka sulla spiaggia - Edizioni Einaudi
(Pubblicata il 28/03/2008 - visite: 1900) »