:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Intervista a Pedro Eiras
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Recensioni
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
Pagina aperta 2531 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Nov 30 07:27:00 UTC+0100 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Poesie

Poesia

Marcel Proust (Biografia)
Giangiacomo Feltrinelli Editore


Recensione proposta da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 09/07/2010 22:30:00

[ Recensione di Valerio Magrelli ]

*

Vorrei festeggiare il compleanno di Marcel Proust con le sue Poesie, che la Feltrinelli propose nella traduzione della compianta Luciana Frezza. Si tratta, sia ben chiaro, di un’esperienza lirica quasi completamente iscritta nel segno dell’occasione. Tra acrostici, dediche, pastiches, testi burleschi, Indirizzi (come suona il titolo di una composizione giocata sui recapiti degli amici), questi versi non fanno che elaborare gli infiniti riflessi della scena privata: “Postino con ritmico piede bisogna che tu vada / al centonove in capo al viale Henri Martin / a portare questo biglietto alla Contessa di Noailles / dal melitoto, dalla carota dal timo molto amata”.
In questi materiali prevale il piacere per la maschera e il depistaggio, l’allusione e la cifra scherzosa. Il tutto sanzionato da un gusto fantaisiste dietro cui agisce l’evidente influsso di Baudelaire (nelle poesie sui pittori più amati), Verlaine (per certe sonorità attutite) o Mallarmé (quello almeno dei “ventagli” o dei Piaceri della posta).
Ginnastica da camera, saltelli per sgranchirsi e tonificare i muscoli accrescendo l’agilità sociale: così Luciana Frezza ha giustamente definito l’insieme. Viene da pensare alla poesia su Jacques Cocteau, in cui viene ripreso un celebre aneddoto presente anche nella Ricerca del tempo perduto. Mentre cenava nel ristorante parigino Larue, un Proust infreddolito si vide consegnare la pelliccia dal suo giovane amico, il quale, per eseguire un gesto tanto cortese, non aveva esitato a saltare leggiadramente sul tavolo imbandito. In verità, l’acrobata ripeteva un numero già eseguito da Bertrand de Fénelon tanti anni prima nello stesso locale. Ma qui, come non mai, repetita juvant, e questa performance finisce per assurgere a simbolo d’una perfetta fusione tra linguaggio del corpo e linguaggio della mondanità, pura figura al contempo retorica e coreografica.
Per chi proviene dal romanzo, comunque, i versi qui raccolti daranno l’impressione di una piccola nota a piè di pagina, un infimo, trascurabile satellite perso all’interno di quell’immenso sistema solare che è l’opera narrativa proustiana. Come se lo scrittore avesse perso tempo giocando con le cianfrusaglie del Tempo che si perderà. Questo sostiene la Frezza, ed ha ragione. Tuttavia, ciò che più importa è il modo in cui la sua notazione critica si trasforma in ipotesi di lavoro per la resa in italiano. Perché, in queste poesie, la vera cianfrusaglia è data dalla rima. In testi dove il ballerino “Nijinskij” rima con “sci”, e “Fénelon” con houblon (“luppolo”), il traduttore viene chiamato a superarsi.
La Frezza ci riesce: crea nuove rime, o le sostituisce con assonanze. Un esempio tra tanti. Come ottenere l’eco fonica tra il sostantivo femminile averses (“acquazzoni”) e l’aggettivo femminile diverses (“diverse”)? La soluzione risulta magistrale: “Forse meno di me tu ami questi temporali / è possibile! le mentalità non sono tutte uguali”. Per un inatteso paradosso, il corrispettivo più soddisfacente in italiano coincide con l’opposto dell’originale francese. Traducendo diverses con uguali, la Frezza mostra dunque come talvolta, nel campo dello scambio interlinguistico, l’unica vera logica sia quella di un ascolto rivolto alle esigenze più profonde del testo.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Leggi altre recensioni ai libri di Marcel Proust:

:: I 75 fogli - La nave di Teseo
(Pubblicata il 22/07/2022 12:00:00 - visite: 413) »


:: I 75 fogli - La nave di Teseo
(Pubblicata il 09/07/2022 12:00:00 - visite: 932) »


:: Lettere alla vicina - Archinto
(Pubblicata il 10/07/2020 12:00:00 - visite: 803) »


:: Gelosia - Editori Riuniti
(Pubblicata il 13/07/2018 12:00:00 - visite: 1872) »


:: Du côté de chez Swann - LaRecherche.it
(Pubblicata il 14/11/2013 12:00:00 - visite: 1649) »


:: Paesaggi - Tranchida Editori Inchiostro
(Pubblicata il 26/07/2013 12:00:00 - visite: 2619) »


:: Balzac, naturalmente - Robin BdV – Bibliofollia
(Pubblicata il 19/07/2013 12:00:00 - visite: 2263) »


:: La cameriera della baronessa Putbus - Via del vento Edizioni
(Pubblicata il 12/07/2011 12:00:00 - visite: 2425) »


:: I sonni notturni d’un tempo - Via del Vento Edizioni
(Pubblicata il 08/07/2011 12:00:00 - visite: 2922) »


:: Precauzione inutile - Passigli Editori
(Pubblicata il 10/07/2009 00:03:00 - visite: 4688) »


:: Alla ricerca del tempo perduto - NRF
(Pubblicata il 10/07/2008 00:56:00 - visite: 5215) »


:: I piaceri e i giorni - Bollati Boringhieri
(Pubblicata il 28/01/2008 - visite: 4758) »