Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Recensioni
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
Pagina aperta 2919 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Sep 19 14:44:01 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Le nozze chimiche di Christian Rosenkreutz

Narrativa

Johann Valentin Andreae
SE Editore

Recensione di Giuliano Brenna
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le recensioni scritte dall'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 13/04/2008

Il libro narra le vicende dell’autore, invitato da una vergine alle misteriose nozze; un sogno gli spiegherà come fare per giungere nel luogo in cui verranno celebrate, e quindi il viaggio, pericolosissimo, che lo porterà in un castello. Durante il viaggio e nei primi giorni di permanenza nel castello il protagonista, e tutti gli altri convenuti, dovranno affrontare varie prove per dimostrare la propria purezza di cuore e la giusta predisposizione d’animo per assistere al misterioso evento. Il castello è quanto di più incredibilmente meraviglioso sia dato immaginare ed è popolato da ogni sorta di misteriose creature; la narrazione è suddivisa in sette giornate e solo nelle ultime due sarà dato ai lettori di poter assistere alle nozze chimiche. Tutta la vicenda in realtà è una grandiosa allegoria, infatti le “nozze” sono un procedimento alchemico, che porterà alla creazione dell’oro e di due creature viventi mediante una serie di trasformazioni della materia con procedimenti che furono propri dell’alchimia. Alla luce di questi fatti si arriva a comprendere la narrazione, in quanto le prove delle giornate precedenti sono una condanna per coloro che, a quei tempi, non erano considerati, per vari motivi – propri dell’essere umano –, adatti ad essere ammessi all’iniziazione alchemica, e anche i pochi eletti in realtà non sapevano esattamente a cosa li avrebbe condotti la loro ricerca dell’Assoluto, e solo dopo averlo trovato, per intercessione divina, capivano la missione che era loro assegnata.
Questo libro (mi sembra riduttivo o forse ‘blasfemo’ definirlo romanzo) fu uno dei manifesti del movimento denominato dei Rosa Croce che nell’Europa degli inizi del Seicento diffuse un ideale di rinnovamento politico e religioso con un programma di «riforma generale delle cose divine e umane», rinnovamento che si voleva assai radicale, non è infatti un caso la creazione dei due esseri viventi che sta a simboleggiare la rinascita del genere umano proprio ricominciando da Adamo ed Eva. Nella narrazione si riconoscono i principali motori di questa “riforma”, la religiosità del dopo-riforma, e la visione scientifica tipicamente rinascimentale: cabalistica e magica.
Il libro getta luce su una materia misteriosa come l’alchimia, raccontata da chi veramente credeva in questa scienza, la narrazione è semplice e molto piacevole ed ogni piccolo particolare descritto come magico o fantastico cela dietro di sé qualche aspetto della realtà.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »