:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021: classifica
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Saggi
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1930 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Apr 9 21:13:44 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Sir Oliver Cromwell, breve biografia

Argomento: Storia

di Giuseppe Paolo Mazzarello
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i saggi dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 19/12/2010 23:48:01

- A 18 anni il futuro Lord Protector lasciò la scuola a Cambridge a causa della morte del padre e di sette sorelle che gli rompevano le scatole.
- A 29 anni soffrì di depressione e si fece curare a Londra da Theodore de Mayerne M. D. Non andò quindi in una clinica svizzera bensì da un clinico svizzero.
- A 50 anni era già stato membro sia dello Short che del Long Parliament. In Inghilterra c’era la guerra civile e lui era un signore della guerra. Comandava la cavalleria, che teneva disposta per tre file a ranghi serrati (riding knee to knee), faceva muovere in manovre di accerchiamento e non disperdeva in cariche impetuose.
- Il Nostro nacque a Huntington nel 1599 e, in Inghilterra, nei 50 anni precedenti accaddero le cose alle quali attribuiamo le conseguenze dei 50 successivi. Re Enrico VIII aveva in qualche modo provocato lo scisma religioso che in realtà interessava ai commercianti emergenti. Gli succedette il figlio Edoardo VI che morì giovinetto e, al quale, parenti intriganti avevano consigliato di nominare erede al trono la cugina Lady Jane Grey. Lady Jane era Protestante, aveva 17 anni ma, come tutti, sapeva il trono toccava alla figlia che l’avo Enrico VIII aveva avuto da Caterina d’Aragona. Perché accettò la corona? Perché le dissero che avrebbe salvato l’Anglicanesimo dal ritorno del Cattolicesimo portato dalla sua antagonista. Nessuno, tanto meno una diciassettenne, può salvare alcuna religione. Una rivolta determinò l’arresto della sventurata e il Parlamento nominò regina Mary Tudor. La lottizzazione che aveva accontentato i Cattolici si esaurì nel tentativo che Mary I fece di ripristinare quella religione, tanto cruento da farle conseguire il nickname Bloody Mary. La regina morì pochi anni dopo e la lotteria assegnava il biglietto vincente agli Anglicani. La figlia di Enrico VIII e di Anna Bolena. Elisabeth, ebbe il trono e fu un lungo grande regno. Ora, ritorniamo alla biografia che stiamo scrivendo.
- Il Parlamentari vinsero la guerra contro i Realisti e il Nostro era uno dei capi vincitori. Il Cattolico King Charles I aveva intentato due guerre contro i commercianti Protestanti, era un rompiscatole e, soprattutto, non valeva niente. C’erano già state tre regine che, come abbiamo visto, dal più al meno avevano dimostrato di valere. Cromwell permise la decapitazione del Re.
- I Realisti non stettero buoni neppure allora. Emigrarono nella Cattolica nonché verde Irlanda, dove scacciarono dalle terre i Protestanti, perché loro si ritenevano quelli della terra. Oliver portò i suoi Ironsides oltre il canale e conquistò il Paese in fretta e non completamente, perché era un genio. Sapeva che non era il momento delle cose definitive bensì di quelle che potevano stare in piedi. Dovette fare la stessa cosa in Scozia. Usò le maniere forti perché non era neanche Anglicano, dobbiamo distinguere tra i Protestanti, era Puritano e si riteneva Unto dal Signore. Attingeva dalla tradizione Biblica perché era a quella che la Riforma aveva portato.
- Oliver Cromwell era divenuto Lord Protector of the Commonwealth of England, Scotland and Ireland. Fece ottime leggi sulla Navigazione perché la sua identità era fluttuante e mobile, ma esisteva eccome. Non si fece alcun re, come Giulio Cesare il Nostro rifiutò la corona. Il Parlamento era stato sciolto e riunito secondo la convenienza, ora Rump ora Barebone’s Parliament. Morì nel suo letto, di malaria come Alessandro Magno. Poi ci furono altri Sovrani Inglesi ma, se vogliamo trovare qualcuno che conti, dobbiamo cercare di nuovo tra le Regine. L’eredità di Oliver è dove l’hanno portata i suoi Puritani, cioè dall’altra parte dell’Atlantico, laddove un sovrano non ci può proprio stare perche dovrebbe esserci l’Imperatore. Oliver Cromwell non poté fare altro che lasciare le cose a un punto di maggiore chiarezza rispetto a quello nel quale le aveva trovate.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giuseppe Paolo Mazzarello, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giuseppe Paolo Mazzarello, nella sezione Saggio, ha pubblicato anche:

:: [ Vari ] Del modo di trattare i popoli degli Stati Uniti (Pubblicato il 01/12/2013 19:51:59 - visite: 1464) »

:: [ Storia ] I Montecuccoli (Pubblicato il 16/09/2011 12:47:22 - visite: 1751) »

:: [ Storia ] Wallenstein (Pubblicato il 05/06/2011 01:49:15 - visite: 1375) »

:: [ Storia ] Gone with the Sea (Pubblicato il 07/05/2011 17:29:31 - visite: 1408) »

:: [ Storia ] Tell them Ambiorix is Here (Pubblicato il 02/05/2011 21:23:57 - visite: 1351) »

:: [ Storia ] Big Trouble In Little Italy (Pubblicato il 29/04/2011 20:14:47 - visite: 1316) »

:: [ Arte religiosa ] Filippo Ape e l’approdo alle ’Grazie’ di Genova (Pubblicato il 01/06/2010 00:57:59 - visite: 1730) »

:: [ Arte religiosa ] Filippo Ape e un Santuario Genovese (Pubblicato il 13/05/2010 14:46:21 - visite: 1584) »

:: [ Storia ] L’uomo Cesare e l’indole valorosa (Pubblicato il 13/07/2009 22:01:29 - visite: 2051) »

:: [ Storia ] Studi sull’isteria d’Impero romano - XVI (Pubblicato il 12/07/2009 21:26:02 - visite: 1371) »