:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Roma: La vita nascosta (02/12/2022) e Il giardino di Sophia (05/12/2022)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Saggi
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 123 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Nov 29 01:51:29 UTC+0100 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Tecniche di brain imaging e coscienza

Argomento: Filosofia/Scienza

di guido brunetti
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i saggi dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 10/07/2022 16:00:44

 

Guido Brunetti

Tecniche di "brain imaging" e coscienza

 

Lo studio della mente e della coscienza come argomento di indagine scientifica nasce con lo sviluppo delle tecniche di "brain imaging", le quali ci danno la possibilità di "visualizzare" il cervello in azione. Queste metodiche, come precisa Christof Koch nel suo libro " Splendori e miserie del cervello" (Codice edizioni) rappresentano "una svolta" nelle ricerche sul cervello e la mente.

 

Nel 1990, il cranio è diventato trasparente a seguito dell'invenzione della risonanza magnetica funzionale (fMRI) ad opera dello studioso giapponese Seiji Ogana, una tecnica potente e innocua, la quale ci permette di visualizzare l'attività dell'intero cervello. E' il perfezionamento dell'elettroencefalografia (EEG), la vecchia registrazione delle onde del cervello inventata negli anni Trenta del secolo scorso.

 

Negli anni Sessanta è stata poi elaborata una tecnica ancora migliore, la magnetoencefalografia (MEG). Con queste tecniche, oggi possiamo tracciare l'intera sequenza dell'attivazione del cervello e aprire una nuova finestra sulla mente. Grazie alla loro scoperta, possiamo dire che il mistero della mente è stato "violato", poiché fRMI, PET e Meg ci forniscono un'immagine sempre più nitida e dettagliata della struttura e del funzionamento del cervello nell'esercizio delle sue funzioni.

 

La mente è una sfida alla concezione scientifica del mondo,  Senza la mente- scrive Christof Koch nel suo volume "Una coscienza" (Codice Edizioni)- "non esiste nulla". Agiamo e ci muoviamo, vediamo e udiamo, amiamo e odiamo, sperimentiamo il nostro corpo e il mondo attraverso le nostre esperienze, i nostri pensieri e i nostri ricordi.

 

Resta ancora un mistero come avvenga tutto ciò, cioè come il cervello produca stati soggettivi, gioia e dolori, splendori e miserie.

E' l'antico problema del rapporto cervello-mente.

Cervello e mente compaiono insieme, ma non sappiamo perché. E' quello che un autorevole scienziato, Chalmers, ha definito "l'arduo problema". Molti studiosi considerano "insolubile" questo divario tra cervello e mente. Sta di fatto che la scienza rimane l'unico metodo affidabile per comprendere la realtà, anche se la scienza non è immune dall'errore: è irta di conclusioni erronee, di frodi, di lotte di potere e di capricci umani.

 

Non sappiamo per quale ragione esista la mente, né sappiamo di che cosa sia fatta.

 

Punto di partenza di qualsiasi ricerca sulle basi neurobiologiche della mente e della coscienza è il cervello. Capire come nascono i nostri stati soggettivi, le esperienze coscienti, i "qualia" dei neuroscienziati, ossia la rossità del rosso, il colore giallo, il dolore a una mano, un odore o un ricordo è il primo

passo per la comprensione del rapporto mente-cervello.

 

Sono state attribuite al cervello molte funzioni. La sua funzione fondamentale, secondo Zeki, è la ricerca della conoscenza, ossia la formulazione di concetti, idee e pensieri. E' un'operazione che il cervello esegue fin dalla nascita e in pratica su ogni cosa in cui si imbatte. Questa capacità è resa possibile da "una macchina neurologica di complessità immensa".

 

Lo splendore del cervello è quello di "generare" moltissimi concetti e infondere significato al mondo. Il cervello produce anche indicibili sofferenze. E' la finitezza dell'uomo, il disagio esistenziale e l'impossibilità di trovare una soluzione. Sembra che l'umanità sia condannata per sempre a non trovare una felicità adeguata.

 

Lo splendore del cervello tuttavia consiste nel trasformare il malessere esistenziale in imprese creative: nelle opere d'arte, nella letteratura, nella musica. La creatività vale anche per i bambini. Essa è attributo di ogni cervello. E' la strategia del cervello per supplire ai propri limiti e alle proprie miserie.

 

Abbiamo parlato di stati soggettivi della coscienza. Qual è allora la funzione della coscienza? Questa può essere definita come "la vita mentale interiore". Coscienza è ciò che c'è quando si prova qualcosa. Si ritiene al riguardo che molti animali, soprattutto i mammiferi, posiedano alcuni connotati della coscienza: essi vedono, percepiscono gli odori, sperimentano il dolore, la sofferenza, la gioia e la realtà.

 

Oggi, la posizione scientifica dominante è il "fisicalismo", una teoria che sostiene che tutto è "riducibile" alla fisica, alla materia. Dio e l'anima di Platone, Socrate e di tutta una lunga tradizione filosofica sono stati estromessi per sempre dal discorso razionale e scientifico. D'accordo con altri autorevoli neuroscienziati, riteniamo che questa concezione sia troppo "limitata" per spiegare l'origine della mente. La mente, gli stati soggettivi coscienti sono "distinti" dalla realtà fisica. L'esperienza della gioia o della tristezza è qualitativamente "differente" dai neuroni o dalle sinapsi. E' una concezione rozzamente materialistica. Concludiamo, affermando che l'identità tra cervello e mente  non è dimostrabile scientificamente.

 

 

 

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore guido brunetti, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

guido brunetti, nella sezione Saggio, ha pubblicato anche:

:: [ Filosofia/Scienza ] Il telaio magico (Pubblicato il 23/11/2022 12:07:06 - visite: 54) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Il rapporto anima-cervello (Pubblicato il 24/10/2022 15:09:39 - visite: 39) »

:: [ Scienza ] Il cervello plastico (Pubblicato il 10/10/2022 12:24:43 - visite: 54) »

:: [ Scienza ] Neuroscienze. Cervello, mente e coscienza (Pubblicato il 18/09/2022 15:28:30 - visite: 170) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Frammenti di neuroscienze (Pubblicato il 02/07/2022 16:04:30 - visite: 189) »

:: [ Scienza ] Attaccamento (Pubblicato il 25/06/2022 16:52:40 - visite: 90) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Le ferite dell’anima (Pubblicato il 14/06/2022 09:12:09 - visite: 168) »

:: [ Scienza ] Dalla mente umana alla mente animale alla mente delle piante (Pubblicato il 13/06/2022 18:46:11 - visite: 93) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Che cosa significa essere umano (Pubblicato il 06/06/2022 16:07:53 - visite: 123) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Neuroscienze. Elementi fondamentali (Pubblicato il 08/05/2022 15:25:53 - visite: 155) »