:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Attenzione, dal 19 al 29 luglio 2024 è prevista una prima parte di lavori di manutenzione sul sito LaRecherche.it pertanto non sarà possibile, in tale periodo, registrarsi o autenticarsi, non sarà possibile pubblicare, commentare o gestire i propri testi in nessuna forma ma sarà possibile solo la consultazione/lettura del sito ed eventualmente la eliminazione dell'utenza di chi ne farà richiesta. Una seconda parte è prevista dopo la metà di agosto, le date saranno comunicate. Ci scusiamo per l'eventuale disagio. Ovviamente se riusciremo ad accorciare i tempi lo comunicheremo.
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Saggi
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 172 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Jul 25 01:16:09 UTC+0200 2024
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

L’uomo a più dimensioni

Argomento: Filosofia/Scienza

di guido brunetti
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i saggi dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 11/06/2024 09:51:47

 

Guido Brunetti

L’uomo a più dimensioni

 

I quattro miliardi di evoluzione dei viventi ci hanno fornito dati e riflessioni per capire “come eravamo” e comprendere “come siamo” noi umani. Emerge un intreccio inestricabile di più dimensioni dalla cui “continua interazione- scrive uno dei più autorevoli neuroscienziati, Joseph LeDoux, nel suo nuovo libro “I quattro mondi dell’uomo” (Raffaello Cortina Editore) nasce la nostra mente.

 

Storicamente, la mente è un campo d’indagine dei filosofi. Già i Greci con Platone avevano inventato termini come “anima”, una sostanza immateriale, immortale e dunque eterna. Successivamente, Cartesio sottolineò la qualità speciale della mente che ci permette di sapere che noi siamo noi in virtù del fatto che siamo capaci di pensare chi siamo.

 

Oggi, molti studiosi, come Thomas Nagel e David Chalmers, descrivono la coscienza come “sensazione fenomenica” (la cosa, ad esempio, che fa sembrare rosso il rosso). Essi definiscono tali sensazioni qualia.

 

I neuroscienziati, per LeDoux, hanno il compito di “focalizzarsi sul problema reale della coscienza”, ossia “spiegare, predire e controllare le proprietà fenomenologiche della esperienza cosciente”, accettando che la coscienza “fa parte della nostra composizione fisica e biologica”. Se la coscienza non è uno stato fisico, non può essere indagata scientificamente, in quanto non osservabile e non misurabile. Francis Crick, al riguardo, ha sostenuto che noi non siamo altro che “un pacchetto di neuroni” e Richard Dawking ha osservato che “siamo macchine di sopravvivenza”.

 

In realtà, chi siamo e come siamo diventati quelli che siamo rappresenta un tema che da sempre è stato oggetto di analisi da parte di filosofi e scienziati. Allo stato delle conoscenze, sono le nuove neuroscienze a fornirci le risposte più convincenti.

 

Sono questioni complesse, delicate e difficili che hanno prodotto molte teorie sulla mente e la coscienza. Ultimamente è stato Joseph LeDoux a proporre una nuova concezione della mente. Le nostre attività mentali, egli scrive, sono il “frutto di processi fisici che avvengono nel cervello”. La nostra natura mentale coincide con il complesso delle connessioni sinaptiche”, le quali agiscono sotto il controllo dell’influenza genetica, che conferisce al nostro cervello “qualità uniche”, rendendoci tutti uguali e distinguendoci anche gli uni dagli altri. La nostra conoscenza di chi siamo e in che modo pensiamo sono operazioni acquisite attraverso l’esperienza. Sta di fatto che quello del Sé, dell’Io, della mente e della coscienza, per i neuroscienziati, è il problema dei problemi.

 

I tentativi di ricollegare la mente al cervello sono stati affrontati da autorevoli scienziati, come ad esempio Antonio Damasio e Michael Gazzaniga, i quali enfatizzano l’importanza dei processi inconsci nella produzione cosciente. Nella sua ultima opera LeDoux riparte per spiegare “come siamo noi umani”, fornendo una nuova concezione su un problema che appare ancora un mistero perenne.

 

L’essere umano ha una struttura biologica che è “il fondamento della struttura neurale, la quale è alla base della struttura cognitiva e rende possibile la struttura cosciente”. Ogni discorso su di noi come esseri viventi è racchiuso nelle “interazioni” tra i modi di essere biologico, neurologico, cognitivo e cosciente. Sono i quattro mondi di esistenza. Tutto ciò che noi siamo è “incluso” in questi mondi di esistenza tra loro intrecciati. Questi quattro mondi dell’uomo riguarda, quindi, il “come siamo”, ossia che cosa significa essere un essere umano.

 

Fin dall’antichità, i filosofi hanno concepito il corpo e la mente come aree di esistenza separate: il corpo è fisico, la mente invece è immateriale che pensa, percepisce, crede, sente e immagina. A lungo oggetto di competenza della filosofia, la mente nel Novecento è diventata un tema scientifico con la nascita delle nuove neuroscienze. Si ammette infatti che le concezioni filosofiche relative ad una mente non osservabile non sono compatibili con i metodi della scienza e con le ricerche empiriche. La mente umana è stata raccontata da molti punti di vista.

 

La nuova visione di LeDoux definisce la mente (e quindi l’essere umano) come composto da quattro mondi di esistenza fondamentali, paralleli e incrociati, i quali “riflettono” il nostro passato evolutivo e rendono conto dei nostri modi di essere presenti. Noi esistiamo nell’ambito di questi quattro mondi “in ogni momento della vita”.

 

Oggi, il termine mente (Sé, io, coscienza) è riferito alle caratteristiche di un soggetto. Come abbiamo detto, Platone prima e Cartesio dopo consideravano la mente come un’anima immateriale e immortale. L’anima di Cartesio rappresentava la tradizione cristiana, che la considerava alla base dell’individualità.

 

Nel XX secolo, con la comparsa delle neuroscienze, la mente veniva considerata come un sistema di “elaborazione dell’informazione”. La realtà è che nel mondo accademico l’accordo su cosa sia la mente è “scarso”. Si parla di sé cosciente, sé illusorio, sé inconscio, sé incarnato, sé sinaptico. James pensava che il sé è un concetto difficile da concepire. Per Freud, il cosciente, o Io, era solo una parte della mente, le altre due erano l’Es e il Super-io. L’inconscio era più importante della coscienza. Insomma, c’è molta confusione sulle definizioni.

 

Che cosa è il sé è ancora un mistero. Ci prova Joseph LeDoux a fare chiarezza. Al centro della sua teoria c’è il concetto secondo cui allo attuale della storia evolutiva esistano quattro modi fondamentali sulla Terra: quello biologico, quello neurologico, quello cognitivo e quello cosciente. Ogni essere vivente che sia mai esistito è esistito biologicamente. Alcuni esseri biologici possiedono un sistema nervoso. Soltanto gli animali possiedono un sistema nervoso. Dal mondo neurobiologico dipendono il mondo cognitivo e quello cosciente.

 

Questi quattro mondi sono “correlati” gerarchicamente, sono “congiunti e interdipendenti”. E’ un intreccio inestricabile dalla cui continua “interazione” scaturisce la nostra mente, unica tra i viventi per la sua “capacità” di sperimentare noi stessi come “un passato, un presente e un futuro”. Una capacità in virtù della quale noi costruiamo una “narrazione” della nostra vita. Nessun altro animale infine ha un cervello umano. I mondi degli altri animali funzionano diversamente dai nostri.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore guido brunetti, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

guido brunetti, nella sezione Saggio, ha pubblicato anche:

:: [ Filosofia/Scienza ] L’opera di Guido Brunetti analizzata dalla critica (Pubblicato il 25/06/2024 15:45:39 - visite: 54) »

:: [ Scienza ] Gli effetti curativi del mare sul corpo e la mente (Pubblicato il 02/06/2024 14:33:33 - visite: 65) »

:: [ Filosofia/Scienza ] La Teoria trinitaria della persona di Guido Brunetti (Pubblicato il 26/05/2024 16:27:41 - visite: 80) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Il concetto di essere umani (Pubblicato il 14/05/2024 18:25:36 - visite: 114) »

:: [ Scienza ] Neuroscienze: l’incredibile avventura del cervello (Pubblicato il 20/04/2024 15:50:16 - visite: 113) »

:: [ Scienza e fede ] Dio, la scienza e le prove (Pubblicato il 06/04/2024 17:58:48 - visite: 118) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Giornata mondiale del malato (Pubblicato il 28/01/2024 14:53:08 - visite: 173) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Neuroscienze psicoanalisi arte e creatività (Pubblicato il 17/01/2024 18:29:05 - visite: 252) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Cervello e musica (Pubblicato il 12/01/2024 15:34:22 - visite: 185) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Nel nome del Padre. La magia del Natale (Pubblicato il 12/12/2023 18:26:27 - visite: 239) »