:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Attenzione, dal 19 al 29 luglio 2024 è prevista una prima parte di lavori di manutenzione sul sito LaRecherche.it pertanto non sarà possibile, in tale periodo, registrarsi o autenticarsi, non sarà possibile pubblicare, commentare o gestire i propri testi in nessuna forma ma sarà possibile solo la consultazione/lettura del sito ed eventualmente la eliminazione dell'utenza di chi ne farà richiesta. Una seconda parte è prevista dopo la metà di agosto, le date saranno comunicate. Ci scusiamo per l'eventuale disagio. Ovviamente se riusciremo ad accorciare i tempi lo comunicheremo.
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Saggi
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 50 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Jul 24 20:20:35 UTC+0200 2024
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Imbuto d’ombre

Argomento: Poesia

di Marco Galvagni
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i saggi dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 22/06/2024 15:03:36

Un’emozione poetica senza fine
Recensito in Italia il 20 giugno 2024

Nel discorrere riguardo quest’ultima preziosa collezione del piú che promettente poeta Galvagni, giá piú volte riconosciuto a livello nazionale, cercheró di delineare un piccolo viaggio le cui tappe siano i titoli stessi delle sue prime quattordici intime creazioni. Per legare le atmosfere suscitate e le emozioni mosse in una pellicola vivida impressa dal suo personale concetto di divenire.

Dal sibillino “Silenzio acuto del mattino” emana pian piano l’”Orgoglio dei vivi”, ovvero tutta la forza della vita che dal poeta prorompe, sostenuta come su “Ali di farfalle” leggiadre ma ondivaghe, in un saliscendi senza tregua e senza sosta.

“Il poeta” ed “Il pazzo” s’immergono qui l’uno nell’altro e l’”Arcobaleno” è ció che ne fa da tramite. Perché? Perché il Galvagni non dice, suscita. Non spiega, colora. Le due figure sono qui legate nell’abbraccio con cui il poeta accoglie in sé il pazzo nel suo lavoro duro a servizio del poeta, con tutti i pastelli che ha nell’iride del suo “Arcobaleno”.

Senza “Cicatrici d’amore” come schegge nelle carni il poeta non sa stare, lapalissiano nel testo, e da quel bruciare ecco la tensione vivifica da cui tutto il creare sorge. E si amplia. Il “Grande inganno” è che tutto è sempre stato evidente ma che nulla si è potuto fare per evitarlo.

Che sia la sua personale visione della “Magia del destino” tutto questo?

“Ho visto te” esclama il Galvagni! La sua pluridecorata musa, il suo angelo ineffabile, intangibile, inarrivabile. E subito dopo con “Vieni, vieni da me usignolo” fa da eco ad un pigolio che lo ripara da questa pioggia, che canta per lui per lenire quell’ansia d’amore che lo sfascia.

E dopo che sia un’”Alba di neve”, un’”Aurora azzurra”, che siano “Schegge di stelle”… è come il tornare in sé, come l’uscire da quell’apnea insostenibile. Che torni il creato a alimentare il poeta, che lo salvino le cose tutto attorno.

La catena poetica potrebbe andare avanti fino alla fine, in uno “Stream of Consciousness” degno del piú motivato James Joyce. Il segreto qui è sorseggiare questa silloge tutta d’un fiato, senza soste. Credo sia il modo piú brillante per sentirsela addosso come il lieto formicolio lungo la schiena che è capitato a me.

Buona lettura, ne vale davvero la pena.

 

Andrea Romanelli


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Marco Galvagni, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Marco Galvagni, nella sezione Saggio, ha pubblicato anche:

:: [ Poesia ] Campionature di fragilità (Pubblicato il 26/10/2018 15:36:49 - visite: 757) »