:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Davide Savorelli
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione recensioni
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 323 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed May 12 05:51:31 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Haiku alfabetici


Testo proposto da LaRecherche.it

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 26/03/2021 12:00:00

 

Elio Pecora su Haiku alfabetici

 

Quanto un libro deve alla sua veste editoriale? È l’involucro a promettere, attrarre, trattenere ed è la stanza in cui entrare per godere di un bene tutto da scoprire, di un luogo dove abitare per ripartirne forse un poco diversi, certo con un bagaglio di sensazioni, di percezioni. Pensiamo ai codici medievali, preziosamente miniaturati, pensiamo alle edizioni numerate di tanta poesia del Novecento, né va tralasciata la grazia di libri e librini che, all’occhio attento e amorevole, si mostrano – standosene in disparte e come in attesa – di là dai banchi stracolmi di librerie affollate.

Dunque, va salutata con gratitudine ed entusiasmo la nascita, a Roma, di una nuova casa editrice dalla gentile denominazione “Il ramo e la foglia” che peraltro si fregia di un inequivocabile progetto: «Per una visione unitaria e integrata della letteratura dell’arte della conoscenza». E tanto prova al meglio il libro, smilzo e flessuoso, che dà inizio a un tale proposito e che ha copertina indaco traversata da rami fioriti, disegni lievi e teneri di Graziano Dei, postfazione attenta e partecipe di Annamaria Vanalesti. Il titolo è Haiku alfabetici, l’autrice è Mariella Bettarini, fiorentina, con un folto numero di raccolte di poesie pubblicate, varie opere di narrativa oltre ad antologie e traduzioni. Mariella Bettarini è inoltre fra i rari poeti che si occupano della poesia altrui. Fondatrice e direttrice della rivista “Salvo Imprevisti”, a cui nell’ultimo ventennio è succeduta la rivista “L’area di Broca”, dal 1984 cura le edizioni “Gazebo”.

Ma stiamo al libro: che accoglie un numero considerevole di haiku: composizione dominante fin dal diciassettesimo secolo nella letteratura giapponese, consistente di tre versi (due di cinque e uno di sette sillabe) il cui tema obbligato sono le stagioni. Negli haiku della Bettarini resta della composizione originaria il numero dei versi e quello sillabico, ma i temi sono dei più disparati, anche dei più vivi e intriganti. La poetessa fiorentina, che, nella sua vasta opera poetica, è passata per molte forme, tutte messe a servizio di sostanze umane e vitali, qui – ignorando i temi d’obbligo – si fa condurre dall’alfabeto e s’inventa un glossario necessario e prezioso che arriva ad essere l’esito di un’intelligenza aperta e di una fruttuosa esperienza.

Dalla A di animali alla N di natura, da O di orizzonte a Z di zenit un pullulare di significanti e di significati, in cadenza netta e veloce, si palesa come per un’attesa rivelazione. Ne viene un’accolta di sapienze, un trattatello di pensieri musicanti, che apre porte nel lessico e abbatte inerzie e pregiudizi. Inoltre, ancora smentendo l’oggettività originaria, qui è l’io a protrarre le sue interrogazioni, a confidare paure e incertezze, a sciogliere malinconie, a scendere nelle proprie giornate e chiamare gli affetti e le assenze. Non mancano le inquietudini come all’I di “inizio” quando la domanda sa di non poter chiedere risposta e perviene a una pacificazione solo accogliendo il mistero.

Così, in questo singolare sillabario, l’intera esistenza si articola in un susseguirsi di brevi respiri, in un succedersi di gesti appena accennati, di parole che si cercano chiare ed esatte. Così la poesia si consegna perché il lettore se ne impossessi, ne faccia un nutrimento e una crescita, forse una gentile compagnia.

 

Elio Pecora

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

La Redazione, nella sezione recensioni, ha pubblicato anche:

:: Maceria (Pubblicato il 18/12/2020 12:00:00 - visite: 717) »

:: Planetaria (Pubblicato il 31/01/2020 12:00:00 - visite: 697) »

:: Paure (Pubblicato il 20/12/2019 12:00:00 - visite: 732) »

:: Buone vacanze (Pubblicato il 26/07/2019 12:00:00 - visite: 529) »

:: La notte tace #GiornoMemoria (Pubblicato il 25/01/2019 12:00:00 - visite: 930) »

:: Libri della Memoria #GiornoMemoria (Pubblicato il 21/01/2019 12:00:00 - visite: 1658) »

:: Poesia XXI (Pubblicato il 21/12/2018 12:00:00 - visite: 1074) »

:: Buone vacanze (Pubblicato il 03/08/2018 12:00:00 - visite: 707) »

:: Proust N.7 - Il profumo del tempo (Pubblicato il 10/07/2017 12:00:00 - visite: 1917) »

:: LaRivista n. 4/2016 (Pubblicato il 23/12/2016 12:00:00 - visite: 1561) »