:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 classifica e vincitori del Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Francesca Luzzio
Canzone tragica

Sei nella sezione Commenti
 

 Claudio - 28/05/2013 09:40:00 [ leggi altri commenti di Claudio » ]

La poesia è un arte ed immancabilmente emoziona.
L’uomo scrive ciò che il cuore detta e forse è per questo che senti un senso di purezza, di gratitudine verso quei versi che crudi, amari o di gaudio ti hanno fatto fantasticare e riflettere aggiungendo un tassello al grande percorso che è la vita.

 Francesca Luzzio - 05/05/2013 20:43:00 [ leggi altri commenti di Francesca Luzzio » ]

RINGRAZIO QUANTI HANNO LETTO LA MIA POESIA E IN PARTICOLARE F. ALAIMO E L.SAVELLI, CHE CON I LORO COMMENTI HANNO SAPUTO COGLIERE IL NUCLEO TEMATICO DEL TESTO

 rita - 05/05/2013 20:27:00 [ leggi altri commenti di rita » ]

Ringrazio i lettori della poesia "Canzone tragica" e in particolare L. Savelli e F. Alaimo che con i loro pregnanti commenti hanno valorizzato il testo.

 Loredana Savelli - 02/05/2013 18:54:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Mi lascia attonita, perché afferro che Stella ha realizzato in modo insospettabile la "sua" canzone dolente e disperante, Stella ha trasformato il suo linguaggio in un suono che strazia.
Veramente toccante.

 Franca Alaimo - 30/04/2013 23:45:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

Il contenuto drammatico del testo si affida ad una tagliente e densissima declinazione della parola che trova l’unica via di tenerezza nella metafora finale, che improvvisamente lascia sulla scena della rappresentazione verbale, sola e "derubata", e tuttavia ancora innocentemente bambina la protagonista a cui sono dedicati i versi.