:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Amina Narimi
Quando risuona l���Asham

Sei nella sezione Commenti
 

 Amina Narimi - 26/10/2012 21:58:00 [ leggi altri commenti di Amina Narimi » ]

Gentile Cristina le tue parole mi danno coraggio nel narrare la storia e motivo di chiarire che
da "l’ll"non riesco pi a distaccarmi.Inizi per caso quando digitando un testo sul mio telefonino vedevo che sempre l’articolo "il" si componeva automaticamente in "l’ll"...-una formula inglese per formare il futuro- sono passati mesi e mi ci sono affezionata;ora anche se scrivo di mio pugno mi esce -l’ll-

invece gli altri nomi strani fanno riferimento a luoghi visitati,a ricordi,come la kuffiya l’ll copricapo arabo o la citt di Shimshal dove baratti ogni cosa per vivere
Mog,invece,significa "io posso", fu la risposta di Anna Achmatova a chi la vide in fila negli anni cinquanta davanti al carcere di Lubjanka e le chiedeva se poteva descrivere la storia dei campi di sterminio del poema di Isaak Katzenelson rinvenuto da sotto una quercia.
Mog il possibile,la forza di volont.
Ti ringrazio Cristina Spero tornerai a leggere,a darmi consigli

 cristina bizzarri - 26/10/2012 19:12:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]

Trovo bellissima questa tua poesia che soprattutto narrazione. Ci sono cose che non capisco, per esempio "l’ll" e alcuni termini di cui ti chiederei di scrivere note esplicative. Potrei apprezzarla e comprendere meglio il suo significato!