:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Amina Narimi
La spinta che diffonde quando �� ora

Sei nella sezione Commenti
 

 Nando - 06/11/2013 22:39:00 [ leggi altri commenti di Nando » ]

Entro in punta di piedi, come si vuole per un luogo alto, dove si quasi degli intrusi, direi addirittura "stonati", poich tra di Voi, poetesse d rilievo, come non potrei non sentirmi un non-poeta per eccellenza? Ma la citazione di Franca, che ringrazio sempre per la sua magistrale premura, per il dono del suo talento che condivide pubblicandone i frutti, per questa sua sapienza raggiunta come la vetta alta di una vita vissuta seguendo valori e sogni, mai incompatibili tra di loro, per il suo essere Poetessa affermata che non distoglie lo sguardo dai pi piccoli, ma li segue come una maestra i propri alunni, mi obbliga ad un commento aggiuntivo (non dimentico Loredana, altra poetessa di spessore, con la sua ricerca ostinata della nostra umanizzazione, che passa anche a traverso la poesia).
Mi sento effettivamente un interprete privilegiato della poesia di Amina, ma non per competenze che non ho, ma per quellammirazione che nasce in me pi per intuizione che per piena consapevolezza; dico ci, perch non c, come con squisita modestia ha scritto Amina, alcuna benevolenza da parte mia, ma la convinzione di stare di fronte ad un notevole talento, ad una poesia di alte dimensioni, con una propria specificit; convinzione sorta spontaneamente ma che trovo confermata da pi autorevoli commenti presenti sul web e dal grande seguito che ogni pubblicazione di Amina porta con s (per curiosit basterebbe guardare come a pochi minuti di distanza dalla pubblicazione, sono quantitativamente rilevanti le aperture, penso sia la pi letta tra gli autori del sito). Riuscirei anche ad argomentare rudimentalmente le tesi che giustificano questo mio pensiero, ma non serve; senz’altro Amina ha e avr ancora di pi in futuro, critici affermati, di spessore e competenza specifica (come gi la nostra Franca) che sapranno spiegare di pi e meglio le chiavi interpretative meglio idonee a comprenderne la ricchezza estetica e contenutistica e ad offrirla ai lettori.

Chiedo scusa ad Amina, MiaInsuperabilePoetessa, per aver "invaso" il suo spazio, a Franca e a Loredana per essermi intromesso; ma con tutte Voi, con stima.

p.s. Mi scuso per eventuali errori di sintassi o di altra natura grammaticale

 amina narimi - 06/11/2013 20:06:00 [ leggi altri commenti di amina narimi » ]

Arrossisco terribilmente qui in mezzo a Voi per il tempo che mi avete dedicato
Rispondendo a Loredana mi viene distinto esclamare che non possiedo, ahim, nessuna tecnica circa la scrittura, e che forse tra il flusso di coscienza il delirio controllato le associazioni in-controllate e lo stato di continua meditazione -che sfilza d’ipotesi e di stati!:)- mi porrei tra sonno e veglia, in una sorta di consapevole sonnambulismo tra Claudia e Amina
Nel flusso di memoria della prima, come dice Franca, sono i segni le fratture il tornare indietro con la mente nel lutto mentre siamo ai confini di dicembre- e del Natale- verso la sua elaborazione;
due donne insieme tengono in mano i semi di questo percorso di dolore luna, nella sua fragilit come dimora, muovendo laria recita una preghiera, dove laltra ne alimenta il fuoco,
ancora e insieme si ritrovano con il goccio di saliva trattenuto nella sete delle rose
Credo stiano dialogando insieme, in fondo ri.guardando
: Amina a domandarle di ritornare alla casa del boscovecchio dove ha nascosto la poesia ( della Montagna di Mos) di Rilke..Le chiede se ancora potr piangere, leggendola..
Claudia, con gli occhi chiari, risponde commossa di avere bisogno ogni giorno di quella parte di Lei- di amina- e come in sogno le chiede di venire in aiuto con le stesse visioni, con il coraggio della notte di Novalis,
Amina le ricorda di essere maternit continua crescita e metamorfosi ma sempre unite in quella coppa dacqua che raccoglie le loro origini ancora insieme deve avvenire quella spinta

Vi ringrazio commossa per lattenzione grazie Franca e Loredana e grazie FerdiNando che, come un miofratello, concede , per bont, le s_concordanze, le carenze di puntini e lll

 Franca Alaimo - 06/11/2013 16:04:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

Senza dubbio la poesia di Amina enigmatica per due motivi, credo: in quanto recupera frammenti di passato (che colloca sulla scena dei versi) avulsi dal tempo e dallo spazio reali, fiottati da un incessante flusso della memoria. Sempre domina la figura della madre, evocata anche attraverso simboli che alludono al parto ed alla morte.
Alla figura materna si intreccia quella della Poesia, grembo partoriente anch’essa: Amina in questa poesia parla di Rilke e di Novalis e di quest’ultimo ricorda i Notturni perch, come si comprende da qualche riferimento, l’ora in cui ella sta scrivendo quella che precede il sonno. Dunque un giorno che muore, la madre morta, il sonno e il sogno frequente di lei; il sogno della Poesia che consola e che produce ancora semi per il futuro. Credo, per, che qualche errore di concordanza, il vezzo dell’uso di i’ll e qualche segno d’interpunzione mancante alimentino qualche dubbio interpretativo. Credo di stare in mezzo fra le domande di Loredana e la lettura di Nando, che un interprete privilegiato della poesia di Amina.

 Nando - 05/11/2013 22:47:00 [ leggi altri commenti di Nando » ]

Se posso riprendere il commento di Loredana, non mi sembra, a mio modesto parere e parere di un incompetente, affatto che la poesia di Amina sia il frutto di un’assenza seppure parziale di controllo anzi, penso che in lei sia rigidissimo l’esercizio di governo dei materiali poetici, un procedere modellando i versi secondo l’idea che origina il testo; una padronanza del discorso che non lasia spazio all’improvvisazione o all’inconscio. Se l’effetto per, e qui Loredana pu averne colto i segni, a volte sembra porsi oltre i confini del perimetro immediatamente leggibile secondo i canoni convenzionali della ragione logico-sequenziale, anche questo atto creativo consapevolmente scelto e corrispondente alla poetica propria dell’Autrice e dalla stessa assunta come visione e stile.

 Loredana Savelli - 05/11/2013 18:44:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Sento la profondit delle sensazioni, dalla terra allo spirituale. Ma ci che pi mi interroga la "tecnica" della tua scrittura: flusso di coscienza, delirio controllato, associazioni in-controllate, in uno stato di meditazione continua (?).

Ciao!!