:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
invia la tua opera in concorso (Poesia e Racconto breve)
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Franca Colozzo
Olocausto - Holocaust

Sei nella sezione Commenti
 

 Franca Colozzo - 29/01/2020 19:10:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Caro Salvatore hai messo il dito nella piaga. Proprio l’ultimo verso esprime il mio pensiero: la cattiva spartizione che altri popoli fanno a discapito degli altri. Così è stato per il Kashmir dopo la fine della colonizzazione inglese (dal 1948 a tutt’oggi) ed anche per la Palestina.
Credo che in particolare gli inglesi abbiano commesso molti errori, non ultima la guerra libica con l’uccisione di Gheddafi, tutto per la loro supremazia economica e politica. In fondo le questioni di geopolitica hanno un sostrato comune: potere economico ed egemonico.
Mi dispiace aver risposto in ritardo al tuo commento per la mia sporadica presenza sul sito, ma mi sto dedicando al problema dei cambiamenti climatici seguendo online un corso di e.Learning per www.LTEconomy.it blog, su cui scrivo e pubblico articoli.
Grazie del passaggio e buona serata.

 Salvatore Pizzo - 28/01/2020 18:49:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

"le radici d’una mala spartizione."
Non avresti mai potuto chiudere in un modo migliore, mia cara Franca. E’ proprio questa tua chiusa l’espressione migliore per testimoniare l’origine di tutte le guerre nella storia di questa specie disgraziata, denominatà umanità. Basti pensare alle spartizioni dell’Africa colonizzata nell’ottocento ed alle frontiere tracciate con un tratto di matita sulle carte geografiche, incuranti degli individui e della storia. Basti pensare alle spartizioni alla fine della prima guerra mondiale che posero le basi per la successiva, in un crescendo di frammentazioni e spartizioni che, all’oggi, non fanno che rovinare e deturpare paesaggi con muri ed umanità con tragedie...
Grazie per il ricordo ed un caro saluto