Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo proposto da Lorena Turri
LA PRIMA MACCHINA PER SCRIVERE

Sei nella sezione Commenti
 

 Rino Barbieri - 23/12/2014 17:36:00 [ leggi altri commenti di Rino Barbieri » ]

Scusi Sig.ra Lorena Turri....le rispondo dopo parecchi mesi perché solo ora sono rientrato su queste pagine web. La risposta alla sua domanda "che fine ha fatto la macchina?" è contenuta in queste pagine come pure le testimonianze della scoperta che è da attribuire al Conte fivizzanese Agostino Fantoni nel 1802.

http://scrivevo.blogspot.it/2012/01/typewriters-le-macchine-per-scrivere.html

 Lorena Turri - 11/02/2014 00:32:00 [ leggi altri commenti di Lorena Turri » ]

Ed il prototipo che fine ha fatto?

 rino barbieri - 10/02/2014 23:32:00 [ leggi altri commenti di rino barbieri » ]

Nel commento precedente, nella fretta, ho scritto erroneamente "Stefano Turri" intendevo dire "Pellegrino Turri" come bene ho scritto più avanti nel commento stesso.

 rino barbieri - 10/02/2014 22:58:00 [ leggi altri commenti di rino barbieri » ]

Mi spiace smorzare il vostro fervore (lo avrei anch’io se fossi nei Vostri panni) ma l’inventore della "TAVOLETTA" O "PREZIOSA STAMPERIA" ad uso della CONTESSA CAROLINA FANTONI figlia di Luigi e nipote del poeta Labindo (Giovanni Fantoni)non è stato l’amico STEFANO TURRI ma il fratello stesso di Carolina e cioè il Conte Agostino Fantoni che fu Maire a Fivizzano e Commissario poi All’Isola D’elba e a Pistoia. Fu AGOSTINO AD INVENTARE E COSTRUIRE L’istrumento CHE SCRIVEVA COME UNA MODERNA MACCHINA DA SCRIVERE (le lettere sno oggi visibili nell’Archivio di stato di Reggio Emilia). La dimostrazione di quello che affermo è in questo link:http://scrivevo.blogspot.it/2012/01/typewriters-le-macchine-per-scrivere.html
La notizia era di già venuta fuori da alcuni anni quando il Prof. Bononi Loris Jacopo di Fivizzano lo aveva scritto nel 2000 nel suo Libro "Libri e destini" - maria pacini fazzi editore e poi allestendo il suo museo della Stampa in Fivizzano. Ma è stato solo quando io ho spulciato l’Archivio Fantoni nell’archivio di Stato di Massa che ho TROVATO ALTRE inconfutabili prove scritte che LA MACCHINA E’ STATA INVENTATA DAL NOSTRO CONCITTADINO "Agostino Fantoni". Fu U: Dallari che nel 1908 in "Antiche lettere scritte a macchina" attribui erroneamente a PELLEGRINO TURRI l’invenzione che invece perfezionò solamente in seguito. La macchina inventa da Agostino era di già operativa e scriveva di già prima che il castelnovese garfagnino TURRI VI METESSE SOPRA LE MANI. Tanto per onore della verità. Rino Barbieri, ricercatore fivizzanese.

 Nunes Martins - 09/05/2013 20:41:00 [ leggi altri commenti di Nunes Martins » ]

grazie mille!

 Gaetano Guerrieri - 13/09/2009 14:54:00 [ leggi altri commenti di Gaetano Guerrieri » ]

Sono rimasto legato alla vecchia macchina da scrivere (infatti una mia collega di ufficio si lamenta di come utilizzo la tastiera del pc perché, dice, scrivo come se usassi la macchina da scrivere e faccio troppo rumore perchè batto troppo sui tasti). Anche il pc l’ho conosciuto perché in lui , all’inizio, vedevo una macchina da scrivere. A differenza della vecchia macchina da scrivere mi consentiva di correggere senza dover usare la scolorina... da qualche parte dovrei avere anche alcune delle mie "macchine per scrivere". La prima manuale, una seconda semi automatica e l’ultima, completamente automatica, un vero e proprio capolavoro. Probabilmente non funzionano nemmeno più... Nè io saprei più usarle...
Se quel tale fosse un tuo antenato sarebbe davvero un onore averti conosciuto 8cosa che lo è ugualmente, anche se non lo fosse, naturalmente). Ho apprezzato il testo.

 Roberto Maggiani - 01/04/2008 [ leggi altri commenti di Roberto Maggiani » ]

Bello. Che onore sarebbe per noi avere per amica la pronipote del’inventore della macchina da scrivere...l’iniziatore di tutto questo.

 Lorena Turri - 31/03/2008 [ leggi altri commenti di Lorena Turri » ]

Tanti anni fa, mentre tentavo, da autodidatta, d’imparare a scrivere a macchina utilizzando un testo scolastico di dattilografia preso in prestito, lessi, proprio su quel libro, che l’inventore della macchina per scrivere fu un certo Pellegrino Turri.
Pensando fosse un mio antenato, volli fare delle ricerche.
Trovai l’articolo citato e nient’altro.
Non ho indizi per ritenere l’inventore un mio lontanissimo parente, ma la mia curiosità è più che altro rivolta alla fine che possa aver fatto quel prototipo, se esiste ancora e chi lo possiede.
Se qualcuno avesse altre notizie, sarei ben felice di conoscerle. Interessante sarebbe poter riuscire a ritrovare quella macchina.
Se è vero che Pellegrino Turri fu il primo ideatore della macchina per scrivere, forse è il caso di correggerne la storia.