:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo proposto da Giorgio Mancinelli
Caterina Pardi o la compromissione poetica ...

Sei nella sezione Commenti
 

 Giorgio Mancinelli - 06/05/2018 18:23:00 [ leggi altri commenti di Giorgio Mancinelli » ]

Buongiorno Giorgio,
le scrivo per ringraziarla della recensione dedicata al concept book Sirene.
E’ incredibile come abbia saputo coglierne significati e riferimenti culturali, "inducendola" a fare senso in modo nuovo... che poi, insieme alla sollecitazione emotiva, lo scopo di ogni forma espressiva: attivare il dispositivo simbolico presente in ciascuno di noi, risvegliare l’enciclopedia" unica irripetibile del lettore/osservatore/spettatore. Un tipo di meccanismo capace di generare - quando si innesca - empatia emotiva, intellettuale o addirittura entrambe (spero si ci che le accaduto leggendo!). In particolare, ho trovato estremamente pregnanti il riferimento quasi junghiano ad archetipi (relativi a creature divine/mostruose) e l’individuazione nell’opera di un tipo di linguaggio ancestrale, simultaneamente verbale/sonoro e visivo. Oltre alla pittura mi influenzano senz’altro - e moltissimo - gli audiovisivi (cinema sia di ricerca che "popolare", serie, animazioni, persino videoclip).

Grazie, grazie, dunque!
Un cordiale saluto.

 Giorgio Mancinelli - 06/05/2018 18:23:00 [ leggi altri commenti di Giorgio Mancinelli » ]

Buongiorno Giorgio,
le scrivo per ringraziarla della recensione dedicata al concept book Sirene.
E’ incredibile come abbia saputo coglierne significati e riferimenti culturali, "inducendola" a fare senso in modo nuovo... che poi, insieme alla sollecitazione emotiva, lo scopo di ogni forma espressiva: attivare il dispositivo simbolico presente in ciascuno di noi, risvegliare l’enciclopedia" unica irripetibile del lettore/osservatore/spettatore. Un tipo di meccanismo capace di generare - quando si innesca - empatia emotiva, intellettuale o addirittura entrambe (spero si ci che le accaduto leggendo!). In particolare, ho trovato estremamente pregnanti il riferimento quasi junghiano ad archetipi (relativi a creature divine/mostruose) e l’individuazione nell’opera di un tipo di linguaggio ancestrale, simultaneamente verbale/sonoro e visivo. Oltre alla pittura mi influenzano senz’altro - e moltissimo - gli audiovisivi (cinema sia di ricerca che "popolare", serie, animazioni, persino videoclip).

Grazie, grazie, dunque!
Un cordiale saluto.