:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Graced
Figlio mio

Sei nella sezione Commenti
 

 Graced - 29/03/2021 21:35:00 [ leggi altri commenti di Graced » ]

Cara Franca, noi che siamo mamme e ci immedesimiamo nella situazione ingarbugliata ed alquanto grave, non riusciamo ad essere impassibili e vivere in un tempo che ci scorre sghembo e disordinato per la situazione incontrollabile in cui stiamo andando avanti. Tutto è dato al caso, nulla di organizzato, quando la morte corre con le nostre gambe e si avvicina sempre più a noi. Leggo in te le mie stesse preoccupazioni, e ogni sera sono sempre davanti alla televisione a fare la conta dei morti. Non so se ci libereremo di questo maledetto virus, comunque sono convinta che è stata una cosa voluta per il fine di far morire un certo quantitativo di gente anziana, così gli stati hanno lucrato sulle loro pensioni. Rendiamoci conto fin a dove può arrivare la malvagità di certi uomini di potere, non si fanno remore di distruggere l’umanità, per cosa? Per cambiarla a campionatura che vada bene per loro. Tutto è cominciato per i continui dissidi di Trump con la Cina che, veniva tacciata d’espansione. Adesso l’America si mette a bombardare anche la Corea del nord e noi assistiamo ad un mondo disastrato pieno di guerre e lutti a non finire. Non è un bel vivere. Scusami se sono così negativa, ma non ho mai visto un periodo così aberrante per il mondo. Un affettuoso saluto, Grazia.

 Franca Colozzo - 26/03/2021 23:57:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Vero, cara Graced, è un vero dramma questa stagnazione che perdura ormai da oltre un anno, con un continuo tamtam di notizie negative, chiusura delle scuole ed una generazione di giovani senza futuro.
Spero che le cose cambino in fretta! Soprattutto per le scuole che rappresentano la fonte primaria dell’educazione, già compromessa da un uso improprio della tecnologia. Pertanto, mi chiedo spesso cosa sarà mai di questi giovani che hanno subito un trauma così violento, provocato da una guerra senza armi e senza volto, silenziosa e letale.
Moltiplicando esponenzialmente, immagina in Siria e Yemen quali effetti devastanti stia procurando una guerra prolungata e senza senso!
Solo il dio denaro domina adesso il mondo per effetto dell’insensata vendita di armamenti, per cui il Coronavirus sembra quasi un castigo biblico. Usciremo sicuramente da questo periodo assai doloroso, ma non senza ferite. Saranno i postumi a parlare di noi come di quei fantasmi che si aggiravano per città deserte, com’era ieri Venezia che celebrava i 1.600 anni dalla sua nascita. Rinasceremo ancora? Un abbraccio virtuale dalle profondità della notte.


 Graced - 26/03/2021 15:42:00 [ leggi altri commenti di Graced » ]

Purtroppo siamo una completa stagnazione che non lascia prevedere il divenire e se ritorneremo ad essere quelli di prima della pandemia che, per me è peggio di una guerra, peché non ci dà certezze di regredire.
Penso che anche ti Franca e Salvatore la pensiate come me. Arriva la primavera, tempo di rinascita e rigoglio per la natura, e noi anche se ci rallegriamo a coglier le sue bellezze, interiormente c’è sempre quel pizzico di paura di avere una spada di Damocle che non sappiamo se ci ritornerà la nostra serenità e quando, oppure dovremo muoverci sempre di soppiatto con la paura di non essere più liberi di vivere serenamente. Grazie del Vostro intervento. Un affettuoso saluto ad ambedue da Grazia.

 Salvatore Pizzo - 26/03/2021 02:22:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

Una poesia che sa dell’armonia dettata dalla consapevolezza di madre, consapevolezza che è riflesso di primavera come non mai, primavera che sorride attraverso gli occhi di figlio che ormai conosce la propria strada.
E’dall’accettazione di un diverso destino dei propri figli che, mi pare di cogliere la chiusa:


" Certa cammina in me

solitaria e tranquilla la felicità."

Luminosa questa tua poesia, giusto come una giornata di primavera.
Un caro saluto sempre.

 Franca Colozzo - 24/03/2021 21:37:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Sembra un viaggio a ritroso nel tempo, in cui si affacciano emozioni materne, questa poesia che ti ridà la forza di immergerti in quell’onda di amore che solo una madre può provare. Stampati nella tua mente sono alcuni attimi di intense sensazioni visive, olfattive, tattili, che oggi ritrovi brancolando nel buio di questi tempi ciechi.
Ora senti e avverti l’onda di amore che ti arriva da lontano, eppure mai come ora sembrano tanto vicine le rimembranze di un amore così intenso e tangibile che nulla e nessuno potrà mai cancellare dalla tua mente.
Un abbraccio virtuale da me che, come te, resto abbarbicata a ricordi e fantastico oltre il tempo e lo spazio in completa stagnazione. Buonanotte, Graced.