Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Loredana Savelli
De-siderium

Sei nella sezione Commenti
 

 Roberto Perrino - 10/08/2010 23:21:00 [ leggi altri commenti di Roberto Perrino » ]

Enigmatica come e’ giusto che sia una attesa sotto il cielo stellato.
In particolare se la stella interpellata con il suo “Ho afferrato il domani svanito ieri”
conferma la circolarita’ del tempo, che ci consuma nell’attesa stessa...

 Loredana Savelli - 10/08/2010 18:55:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Grazie Guglielmo, sei molto sensibile e raffinato. Anche coerente come critico e come poeta.

 Guglielmo Peralta - 10/08/2010 18:54:00 [ leggi altri commenti di Guglielmo Peralta » ]

Quando "cade" una stella si esprime un de-siderium, affinché nasca (forse) una nuova stella. Perché dalle stelle nascono i desideri (i sogni, i pensieri) e dai desideri le stelle. C’è, infatti, una grande similitudine tra il cielo e la mente. Ogni stella caduta è un desiderio perduto, senza futuro, in quanto già passato. E perciò bisogna rimpiazzarlo...con una nuova stella!...

Ciò mi ha suscitato la tua bella poesia. Ma la "riflessione", generata dalla luce infinita delle stelle, potrebbe continuare!...