Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Redazione LaRecherche.it
La sua lasciva creatività (inedito)

Sei nella sezione Commenti
 

 Roberto Perrino - 12/05/2010 03:28:00 [ leggi altri commenti di Roberto Perrino » ]

Leggere questo flash è stato come attraversare una nuvola, ci si perde un po’ il respiro ma all’uscita l’animo è sazio, sereno.

 Maria Musik - 10/05/2010 23:31:00 [ leggi altri commenti di Maria Musik » ]

Breve ma intensa e aperta a diverse interpretazioni.
Ai miei occhi é prima apparso un uomo che ritorna alle fantasie di un’età adolescente, giovanile, età di sogni e di amori imberbi. Alla rilettura, invece, la lasciva crestività ha fatto sorgere una donna, dal corpo glabro, liscio, da pizzicare come l’arpa per trarne suoni antichi come i sogni e il loro evo.
Potentemente evocativa, ti pizzica e ti fa vibrare: una poesia in grado di risvegliare emozioni sopite.

 leopoldo attolico - 10/05/2010 15:55:00 [ leggi altri commenti di leopoldo attolico » ]

Il viaggio e i sogni costeggiano la creatività senza appropriarsene .
Rimane sullo sfondo un’ipotesi d’amore ( o di desiderio d’amore ) in fieri, un’idea di bellezza "glabra" come il sentimento che l’ha suscitata e proiettata in"quell’età inesplorata di sogni" capace ( forse ) di accoglierla .
Insolita questa misura breve di Domenico . Una bella sorpresa .

 Loredana Savelli - 10/05/2010 11:32:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Un attimo di svenevolezza languida, amore e musica, un’atmosfera arcaica e onirica, detta con pochi efficaci versi. Bella!