Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Redazione LaRecherche.it
Tre inediti

Sei nella sezione Commenti
 

 Leopoldo Attolico - 12/12/2017 22:51:00 [ leggi altri commenti di Leopoldo Attolico » ]

Grato a quanti hanno lasciato una testimonianza .
Sentitamente
leopoldo-

 Fabrizio Bregoli - 08/11/2017 10:24:00 [ leggi altri commenti di Fabrizio Bregoli » ]

Leggere Leopoldo significa ritornare a quel garbo necessario di cui ha bisogno la poesia, senza necessità di esibirsi o stupire, ma semplicemente restituendo le parole al proprio senso, alla propria missione di confronto con l’altro per riflettere e migliorare noi stessi.

 Ferdinando Battaglia - 29/10/2017 10:57:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Battaglia » ]

Tre testi che hanno, oltre tutto ciò che i critici esperti - io purtroppo sono solo un lettore "di passaggio", privo di qualsivoglia informazione di base su ciò che ha " visto", sì da non poterne apprezzare i tanti pregi - vi potranno riconoscere in qualità poetica, il pregio di fare scuola, di trasmettere, oltre la bellezza, grandi insegnamenti, sia tecnici sia metodologici o "politici"
Ogni testo ha un proprio registro formale, segnalandoci quindi la padronanza che il poeta ha del suo mestiere d’arte. Il primo è un tratteggio tra l’intimo, la memoria e il biografico; il secondo, forse il meno avvincente per me, filosofico adidas valico ovvero di critica sociale; il terzo, il mio preferito, di realismo poetico, dove nella materia "inerte" paesaggistica, il poeta vi coglie l’elemento umano e lo riassume attraverso il proprio io poetico, il filtro di vissuto e pensiero che egli porta in dote alla scrittura; ed è opera di maestro questo saper dare ad ogni contenuto una forma appropriata, intonata sia alle intenzioni autorali sia appunto al tema stesso; mentre sarebbe del mediocre o del dilettante ripetere motonamente la stessa "nota"). Ma la lezione più grande che l’Attolico ci dona è metodologica ovvero c’insegna con la sua vita stessa di poeta l’importanza dell’attesa o meglio che il fine del poeta è scrivere e non pubblicare, questo avverrà se dovrà avvenire, ma mai sarà ciò la ragione della sua scrittura; Leopoldo ce lo dimostra consegnando questi tre inediti che riportano date di nascita in anni precedenti, testi custoditi in un " cassetto", che oggi vedono la luce pubblica e che, proprio per questo, portano seco il buon sapore dell’autenticità oltreché della bellezza poetica compiuta. È di questo esempio che Vi sono particolarmente grato, sia all’autore sia alla Redazione che ne ha curata la pubblicazione.

 Leopoldo Attolico - 29/10/2017 08:44:00 [ leggi altri commenti di Leopoldo Attolico » ]

Grato alla Recherche per la sua generosità .
leopoldo -

 Marco G. Maggi - 23/10/2017 17:38:00 [ leggi altri commenti di Marco G. Maggi » ]

Sempre un piacere leggerti! Una poesia spesso leggera solo in apparenza, la tua, che non riesce comunque a nascondere la profondità delle tue parole. Grazie

 Giovanni Baldaccini - 23/10/2017 16:53:00 [ leggi altri commenti di Giovanni Baldaccini » ]

Ti leggo sempre con piacere, Leo. Qui ancora di più, soprattutto la prima.
Un abbraccio
Giovanni

 Loredana Savelli - 23/10/2017 08:27:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Poesie veraci, colpiscono al centro.
La persona e il poeta sono tutt’uno: schiettezza, asciuttezza, approccio diretto che include profondità e delicatezza insieme.
Una poesia così rincuora.