Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Matteo Cotugno
Voglio le tue mani

Sei nella sezione Commenti
 

 Matteo Cotugno - 17/10/2011 11:14:00 [ leggi altri commenti di Matteo Cotugno » ]

GRAZIE Roberto per l’apprezzamento, anch’io a volte utilizzo termini medico-scientifici... interessante la tua osservazione sullo spaziare-spazzare.

 Roberto Perrino - 16/10/2011 20:16:00 [ leggi altri commenti di Roberto Perrino » ]

Molto bella mi è molto piaciuta questa poesia, è difficile raccontare l’amore se non si trova il registro giusto. In questo testo, a mio sentire, l’hai trovato.
[Al posto di "spaziando l’infinito", il linguaggio matematico che mi è familiare, e che mi è solleticato dall’uso di alcuni termini fisico-matematici (tempo, infinito) mi suggerisce una lettura alternativa: "spazzando l’infinito", perchè visualizzo l’azione di un luogo geometrico che "spazza", cioè copre progressivamente con un movimento isometrico.]