:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Davide Savorelli
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Giuliano Brenna
Quaderni Proustiani 2013

Sei nella sezione Commenti
 

 Gennaro Oliviero - 29/12/2013 19:05:00 [ leggi altri commenti di Gennaro Oliviero » ]

"Come dire e descrivere la bellezza del mondo del mondo?". E’la domanda che ci viene posta da Jean Starobinski,uno tra i critici letterari più apprezzati a livello internazionale. La risposta ce la fornisce Proust alla fine di Combray:bisogna superare "il disaccordo tra le nostre impressioni e la loro espressione".Credo che Giuliano Brenna sia riuscito a superare con eleganza e competenza quel "disaccordo" - che è sempre presente quando si recensisce il lavoro di un amico(quale io mi onore di essere)- con puntuali "pennellate" che hanno colto l’essenza degli articoli e dei saggi contenuti nei "Quaderni proustiani" del 2013.
Voglio quindi ringraziarlo "proustianamente",parafrasando una espressione che il nostro Marcel usò nella lettera a Robert de Montesquiou del 10 febbraio 1894: Caro Giuliano,ti invio i sensi della mia ammirazione e del mio affetto.La qualità dell’ammirazione è quella che è,cioè estrema.Sta a te stabilire la quantità di affetto,che sarà quella che ti piacerà di accettare". Gennaro Oliviero-Direttore della rivista "Quaderni proustiani"(sito:www.amicidimarcelproust.it)

 Roberto Maggiani - 28/12/2013 00:43:00 [ leggi altri commenti di Roberto Maggiani » ]

Chi scrive su LaRecherche.it non necessariamente deve conoscere l’Opera proustiana o stimarla in modo particolare, e tantomeno deve scrivere in prosa. Leggere Proust è esattamente la stessa esperienza di un viaggio... metaforicamente parlando, del viaggio di/in una vita, una esperienza che arricchisce e allarga gli orizzonti; è anche un viaggio nella scrittura... come tutti i viaggi, si affronta quando arriva il momento, all’inizio forse è un po’ faticoso partire perché significa lasciare qualcosa, scomodarsi, ma una volta in viaggio Proust diventa un compagno ideale... un maestro. In quanto alle casalinghe beate quelle che si salvano nella poesia... ce ne fossero.

 Giuseppe Bonvicini - 27/12/2013 00:06:00 [ leggi altri commenti di Giuseppe Bonvicini » ]

Giuliano, ammiro il tuo "attaccamento competente" allo scrittore, come annoto la poca "considerazione" che egli trova nel contesto del sito costruito intorno a lui........ (poesie, poesie, poesie, poesie.......delle quali non si può abusare "impunemente": quasi 100 siti sul web si aprono alla poesia "DOMESTICA-CASALINGA").Bè, molte signore si salvano così.....Forse!